accedi   |   crea nuovo account

L'anniversario

Di certo della vita è il dì più bello
e lo ricordi sempre a menadito,
quando dietro di te chiuso hai il cancello
all’esser tu uno scapolo incallito.

Hai scelto di legarti ad una donna
e di sicuro hai scelto la migliore:
quella che mai, ma proprio mai t’assonna,
quella con cui ti volano le ore.

Poi passan gli anni, e qualche dispiacere
subentra nella vita tua di coppia:
giorni felici alternan sere nere,
l’amore ora ti lascia, ora raddoppia.

Ma il giorno in cui rammenti liete l’ore,
quelle ch’hanno cambiato la tua vita,
rinnova l’anniversario in te l’ardore
d’una storia che mai sarà finita.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 25/10/2009 10:20
    Nicola
    non avevo alcun dubbio al riguardo...
    Del resto le nostre mogli sono davvero la gioia ed il vero sale della nostra esistenza.
    E non ci assonnano davvero mai, ma solo per la gioia e la letizia che sanno infondere in noi.
    Ciao ed un abbraccio sincero alla tua metà.
    Giuseppe
  • Nicola Saracino il 22/10/2009 16:48
    Giuseppe ovviamente... il mio dubbio sul 'non ti assonna mai' era riferito alla donna della poesia, mica alla moglie in carne ed ossa... Nicola
  • Giuseppe ABBAMONTE il 19/10/2009 13:33
    Grazie Vincenzo e grazie di nuovo Nicola.
    Ad entrambi pero' vorrei dire che spero che la mia composizione rientri nella categoria dei regali e non delle "sole" (nell'accezione romanesca del termine) o peggio delle offese al mondo.
    Ma sopratutto, Grazie per gli auguri. Che estendero' alla moglie, la quale non mi assonna mai (cosi' sciolgo anche l'enigma di Nicola) per la sua simpatia e non certo per le preoccupazioni che mi da'. Salvo quando le devo fare il regalo per l'anniversario...
    A presto
    Giuseppe
  • Vincenzo Capitanucci il 16/10/2009 09:29
    Coppia raddoppia... dispiaceri e felicità...
    quando nelle ore... brucia l'ardore... è una soria d'Amore... mai finita...
    Buon Anniversario.. Giuseppe... L'amore... come una poesia... è un regalo.. al mondo... Grazie..
  • Nicola Saracino il 16/10/2009 00:45
    Partendo dall'assunto che un regalo è esclusivamente destinato al destinatario, mai regalare una poesia ad una persona! Infatti se è poesia è un regalo al mondo. Se invece non lo fosse, sarebbe un'offesa per il mondo, inclusa quella persona. Felice anniversario! Nicola
  • Giuseppe ABBAMONTE il 15/10/2009 21:05
    Grazie Nicola e Loretta
    mi "corre l'obbligo" di precisare un paio di cosette:
    il mio anniversario di matrimonio (la poesia è un tantino autobiografica) arriva tra una decina di giorni. Quindi diciamo che è stata pubblicata un po' in anticipo;
    mia moglie mi fa notare che, essendo io un pendolare settimanale (sto a casa solo durante il week end) le "sere nere" richiamate nella poesia non hanno alcuna ragion d'essere. Sono insomma pura fantasia.
    È vero e mia moglie, ha ragione. Quindi questa vale come rettifica.
    Ma mi piace lo stesso evidenziare quell'alternanza di sentimenti che, secondo me, costituisce il segreto dell'amore eterno. Che viene rinvigorito nel giorno del suo anniversario.
    E questa poesia che doveva essere un regalo a mia moglie per l'anniversario, mi sa che mi obbligherà a fare un regalo "serio" alla suddetta.
    Ma lo faccio con immenso piacere.
    Grazie amici
    Giuseppe
  • loretta margherita citarei il 15/10/2009 16:31
    profondi pensieri bravo
  • Nicola Saracino il 15/10/2009 11:19
    Giuseppe, trovo azzeccatissimo questo 'anniversario': l'amore che lascia o raddoppia nell'ardore, nella storia che non finisce mai perché non è storia da 'quando finisce questa storia...' e mi si scusi la ripetizione perché è ripetizione sempre scusata pur non piacevolissima ecc. ecc.. Bellissima l'immagine della donna che 'proprio mai t'assonna': non ti annoia mai, o ti preoccupa tanto da non prendere sonno??? Simpaticissimo il cancello dello scapolo incallito, che molti scavalcano anche se chiuso. Quanta verità in quello che scrivi! Abbraccio. Nicola

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0