username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sipario

Si frantumano i miei giorni
ne percepisco il tragico clamore
in minuscoli pezzi taglienti
che colleziono
in scatole di vetro
scivolano gli istanti
sovrapponendosi in alcuni punti
non so più come distinguerli
non so chi è passato
e dove inizia il presente
non sopporto questo caos
il tempo non mi concede
che qualche scampolo d'incertezza
poi infierisce sul mio equilibrio
tanto che a me
abbagliato dalla luce di un flash
che non ho visto partire
non rimane che l'immagine di un futuro
che non mi convince
è uno spettacolo osceno
ma non ho scelta
devo entrare in scena
adesso
il pubblico non finge pazienza
sbuffa
vuole vedermi recitare
esco alla scoperto
dietro di me
il rumore ruvido
del sipario che cala

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 16/10/2009 19:18
    Complimenti, mi è piaciuta
    ciao
    Angelica
  • angela ambrosini il 16/10/2009 15:57
    5 stelline tutte meritate bella
  • Marhiel Mellis il 16/10/2009 13:11
    Quando la vita non è quella che uno vorrebbe tutto appare in salita e anche le emozioni appaiono confuse... come teatranti che non sanno bene le parti da recitare... Molto bella sia nell'esposizione che nel suo intrinseco significato.
  • Marcello De Tullio il 16/10/2009 12:33
    È molto bella e mi è piaciuta moltissimo
  • Don Pompeo Mongiello il 16/10/2009 12:06
    Bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0