accedi   |   crea nuovo account

Vecchio amico.

E ora,
dopo che avevo tanto sperato in un nuovo
ritorno,
dopo che avevo sofferto
la tua mancanza,
mi renderebbe felice starti lontano.
Colma di te...
Della tua presunzione,
del tuo sorriso
ironico,
del tuo sguardo scuro.
Vedevo in te la mia felicità.
Quella innocente di bambina,
quando un piccolo elastico era magico
e poteva diventare una collana
d'oro,
un bracciale che ti teletrasportava
dove volevi...
I giorni assolati,
quando corravamo per vedere chi andava più veloce,
e non importava dove andavamo,
ma solo stare insieme.
Sei stato così...
essenziale...
e ora, sei solo una mia
preoccupazione.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Chocolat Noir il 14/05/2010 12:38
    hai espresso qualcosa di terribilmente vero in maniera molto delicata, senza rabbia, il che è lodevole, dato il tema. Brava.
  • Angela Marino il 16/10/2009 19:26
    lo è davvero... grazie del commento...
  • Giuseppe Tiloca il 16/10/2009 17:22
    una delusione, questa è molto bella, la hai scritta veramente bene Si intravede la tua infanzia e questo tuo compagno di giochi.. che ora sembra essere un peso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0