PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

È come sè..

Lento avanzare di spasmi antichi!
È come sé fossi tu …
Palpebre piano abbracciano le ciglia,
che fresche e vecchie dominano la tua assenza.
Melodia s’infrange lieve su note poco levigate
e il vanto d’averti amato domina le labbra
che docili azzardano un ballo!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • alberto raimondo il 12/08/2010 14:51
    belle le parole bella la musica e la melodia
  • Anonimo il 20/04/2010 00:40
    È pura danza di struggente e felina passione questa poesia...è stato un vero piacer leggerla.
  • Anonimo il 25/10/2009 19:23
    piaciuta
  • Dolce Sorriso il 22/10/2009 14:12
    belle emozioni
    piaciuta!
  • Giuseppe Bellanca il 22/10/2009 13:00
    Questa è poesia brava continuerò a leggerti ciao.
  • Gremory S. il 22/10/2009 01:59
    Grazie dei commenti!
  • Giuseppe Tiloca il 17/10/2009 22:17
    Ma come è bella questa tua poesia, ti sei presentata proprio bene, benvenuta!
  • Anonimo il 16/10/2009 22:20
    bravissima, ti presenti molto bene poeta, un dolce rammentare, nell'osservare chi piace, il ticchettio di ciglia esprime voglia di conoscenza dietro ad uno sguardo celato dalle palpebre, una dolce sensazione. ben arrivata, nelle tue righe ho letto un vecchio fascino d'adolescente, quando lo sguardo nascosto svelava. ciao Salva. voto il tuo pensiero con 5 stelle.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0