username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non vivo più

Solo, disperato,
ricordo la mia ultima vita,
con il rimpianto di non averla
vissuta come volevo.
Non ho più occhi per vedere
il perdono,
nè parole d'amore per chiedere
perdono.
Senza mani ora stringo
rose appassite,
in un tempo dove la memoria
uccide la mia esistenza.
Non vivo più,
è giusto sia cosi!
merito un'altra vita,
peggiore di quella vissuta,
e un mare senza fragore.
Vivo dove la morte
distrugge i sogni,
felice ormai di dimenticare
e di essere dimenticato!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • francesca cuccia il 26/10/2009 22:11
    Lottare e non arrendersi mai Ruben, questa e la vita.,, il motto da portare avanti per vincere.
  • Ruben Reversi il 17/10/2009 09:59
    hai ragione vincenzo la nostra vita non è mai come vorremmo fosse vissuta. un abbraccio, grazie ruben
  • Vincenzo Capitanucci il 17/10/2009 09:24
    Avremo sempre questo rimpianto... Ruben.. di non aver vissuto completamente l'ultima volta... finchè non saremo completamente coscienti...
  • Ruben Reversi il 17/10/2009 08:17
    Grazie Dolcissime loretta e tizia, grazie marcello, narro pure oltre l'amore il desiderio di una vita senza vita. ruben
  • loretta margherita citarei il 17/10/2009 06:11
    bella x quanto dolorosa, il tempo è la migliore medicina. abbi fede, ti auguro la pace, bacio lor
  • Anonimo il 17/10/2009 01:04
    purtroppo quando finisce un amore... in cui hai messo a nudo il tuo cuore e ti sei dato tutto... il risveglio è doloroso... io ti capisco perchè per metabolizzare la fine di una storia ho messo 8 anni... perchè speravo... mi illudevo... sono stati anni in cui mi sono reso conto aver perduto la spensieratezza e di non aver vissuto... ti auguro con tutto il cuore di trovare la forza di fare i conti col passato.. e di vivere... perchè gli anni ti scappano dalle mani e poi non avresti che rimpianti un saluto
  • Tiziana D'Andrea il 16/10/2009 23:52
    una poesia che avverto come triste e dolorosa però bella e profonda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0