PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La fanciulla dalle labbra d’alabastro

Era bianca
magra
quasi diafana

veniva da un paese dell’est
aveva il volto
di chi per molto tempo
non aveva visto la luce

non era bella
era un po’ trasandata
dal lungo viaggio

due labbra d’alabastro
avvolgevano di magia
i suoi occhi

sembravano due grandi specchi

Offriva un fiore ai passanti
Chiedeva solo un sorriso

in loro suscitava
un mal essere
solo sensi di colpa

finirono
quasi tutti per evitarla

una lacrima
nacque nei suoi occhi

ed in quella lacrima
Silenziosamente Svanì

lasciando un senso di profondo vuoto in tutta la città

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • francesca cuccia il 18/10/2009 11:20
    Immagini di momenti riaffiorati. Bella, mi piace come scrivi.
  • luisa berardi il 18/10/2009 08:03
    dolcissima.. bravo! sono contente d essere tornata a scrivere...
  • claudia checchi il 18/10/2009 00:44
    bella... solo come tu sai scrivere... un grande.. claudia.
  • loretta margherita citarei il 17/10/2009 21:17
    bella e piena della tua sensibilità
  • Anna G. Mormina il 17/10/2009 21:12
    ... lasciò un senso di profondo vuoto in tutta la città, ma trovò, in Dio, tutto l'Amore desiderato...
    ... è una meraviglia!!!!
  • Giuseppe Tiloca il 17/10/2009 20:57
    Già il titolo, mi fregava e mi attraeva.. bellissima poesia, scritta divinamente come sai fare solo tu.
    Alla prossima, Giuseppe
  • Anonimo il 17/10/2009 19:17
    Molto bella commovente
  • giusi boccuni il 17/10/2009 19:16
    noi... e i nostri fantasmi... a cui apriamo o chiudiamo la porta... malinconica mente...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0