accedi   |   crea nuovo account

Sorriso di sangue

Lo squalo mi accarezzò
dentro la spelonca,
sorriso appuntito
imbrattato di sangue.
Mi disse che il tempo era giunto
per noi creature del mondo liquido
di sterminare i cacciatori di code.
Il tempo del risveglio,
dopo fasi di soggezione,
il tempo di combattere
per il nostro amore
unico il mare.
Lo guardai, stretta al tappeto verde,
e rimasi in silenzio
come sempre
se non canto,
ma il mio cuore fece un balzo
al mio uomo pensando.

Non sono nata per tradire,
non sono nata per servire,
non sono nata per morire
qui, fra i marosi,
aspettando che lui
anneghi e riposi
fra pensieri più bui.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • francesca il 11/03/2012 15:26
    molto toccante, brava
  • Francesco Garofalo il 11/10/2010 15:29
    piaciuta moltissimo brava anzi bravissima
  • Stella Spina il 25/01/2010 16:00
    Molto bella.. Parte di un tuo mondo parallelo. Brava!
  • Paola B. R. il 15/01/2010 15:12
    Il tuo modo di scrivere smuove qualcosa dentro... brava!!!!
  • Anonimo il 10/01/2010 20:49
    Magnifica!
  • alberto accorsi il 06/11/2009 21:32
    Singolarmente potente e audace. Battiti a mille.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0