PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quante volte siamo scappati

Quante volte siamo scappati
senza far rumore
e sono rimasti gusci di pensieri
come noci vuote
che sbattono nella testa.

Via via!
Andiamo via da qui:
come ladri
come belve
come lepri impaurite.

Quante volte siamo scappati
credendo di non sentire
l'odore del sangue
sperando che il piacere della carne
appena divorata
cancellasse la ferocia del predatore
e il tormento di aver forse strappato
la madre ai suoi cuccioli.

Terra terra!
Laggiù, lontana
e noi qui
aggrappati ad un legno
come naufraghi d'amore.

Siamo scappati via
inseguiti dai nostri pensieri
sopraffatti
da paure nascoste
come spiriti inquieti nella notte.

Io e te
Amore mio:
io e te
nel nostro male
io e te
nel nostro piacere
io e te
nella tenerezza di un abbraccio
io e te
nel guscio di una noce
che forse un giorno
la vita spezzerà.

Quante volte siamo scappati
non troppo lontano
in punta di piedi
attendendo un silenzio di foglie
ferme nel vento.

Cade una foglia nel mio cuore,
tristemente
pur essendo verde
e verde resterà sempre,
per essere stata toccata
un giorno
dalle tue mani.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Roberto _ il 21/10/2009 13:46
    Triste il nostro fuggire, dolce il tornare, pungente l'equilibrio dell'assenza quando non sai da quale parte penderà la bilancia.
    Sono attivo qui perchè ci sei tu, Luce...
  • Luce... il 21/10/2009 11:52
    Che tristezza un amore sempre da fuggire... bellissima poesia, e tu sempre attivo qui...
  • Anonimo il 19/10/2009 14:05
    Molto bella, Roberto
    questo amore romantico sempre verde
    delicatissimo il finale
    complimenti
    Angelica
  • virginia poggi il 19/10/2009 11:40
    è una poesia decisamente non facile da comprendere alla prima lettura che però concretizza bene il fatto che a volte non si guardi la realtà in faccia e si scappi via erroneamente... come dire, forse la realtà farebbe meno paura se la si affrontasse... però si ritiene più opportuno fuggire...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0