PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sala d'aspetto

Riaffiorano spietate le domande affogate
Quanto manca alla FINE?
Quanto all’apocalisse?
Sigarette divorate in boccate nervose
si cerca più in alto un respiro negato,
annaspando,
farfugliando preghiere e sputando imprecazioni.
La mente infestata
da una ridda di voci e pensieri sfrangiati
disgiunti e riuniti in illogici vortici.
Contorni e sagome familiari compaiono,
tremano, aleggiano e svaniscono
come lampi ardenti
intervalli nel buio
squarci nell’attesa
Mentre Tic si inseguono veloci
Tic Tic Tic Tic Tic
finti angeli in camici asettici
messaggeri di morte
sopraggiungono con passi felpati.
Tormento viscerale
Nero ed infinito
centrifuga l’anima
Nero e assoluto
ovatta che esplode
Assoluto e per sempre

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Alessandro Moschini il 17/11/2010 01:05
    Mi ricorda alla lontana una canzone di Baglioni dal titolo "Quanto tempo ho" contenuta sul cd "Viaggiatore sulla coda del tempo". Se hai occasione ti invito ad ascoltarla.
  • Anonimo il 06/05/2010 20:08
    Chi sono i finti angeli in camice non lo so, ma l'immagine che mi faccio trascende dai pensieri terreni. Assoluto e per sempre, chissà ... ma in questo caso perché parlare di fine, quando ci si collega all'eterno? Io preferirei chiedere quanto manca al continuo, perché alla fine si tratta di una nuova fase...
  • Michele Loreto il 14/02/2010 07:20
    Un ritratto con linee e tinte forti che dipingono una realtà che conosco. Poesia di grande impatto emotiva, enfatca senza retorica Votata five stars
  • Nicoletta Corsalini il 29/10/2009 20:32
    Ho letto le tue poesie. Diverse per genere, ma dense di significati. Anch'io ho scritto un testo su questo stesso tema. Affinità di sentire?
  • Alessandro GE70 il 21/10/2009 18:29
    brava e' capitato pure a me di provare questa situazione davvero ben scritta
  • Federica Buzzi il 20/10/2009 18:49
    Grazie a tutti!!
  • Donato Delfin8 il 20/10/2009 13:17
    L'attesa per un dolore moltiplica i pensieri negativi come in una clessidra senza fine la sabbia.
    Bella.
  • Cinzia Gargiulo il 20/10/2009 01:03
    Poesia intensa e sentita. Si avverte tutta l'angoscia di chi aspetta, impaziente, di ricevere notizie sulla sorte di una persona cara.
    Brava!
    Ciao...
  • †♠ nosferago ♠† il 19/10/2009 21:54
    bella
    ritmo incalzante con le pause giuste che sottolineano caos e angoscia
    brava
  • antonio castaldo il 19/10/2009 20:21
    bella la prima! complimenti e... benvenuta!
  • loretta margherita citarei il 19/10/2009 20:11
    bella
  • marcello cardinale il 19/10/2009 19:50
    Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0