username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Diamante grezzo

Una velata tristezza
di cocci di bottiglia per strada
che feriscono il cammino
l'amaro calice
di un vino artefatto
dallo sforzo d'esser visibili
agli occhi di chi
non ti sa leggere l'anima
perchè affidi a uno sguardo opaco
una pietra così preziosa?
e chi mai darà lucentezza al diamante
se non un valente artigiano
che con cura amorevole
ne intaglia le facce?
di amante grezzo
rimangono opache tracce
dovrei aprirmi il torace
e mostrare il cuore nudo
immerso fla i flutti
di un mare tempestoso
solo nei fondali
nulla appare in superficie
non v'è traccia alcuna di rammarico
se non in quella goccia salata
che scende solitaria dal volto

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Jurjevic Marina il 31/10/2009 23:23
    Molto intensa, colpisce
  • Francesca Chiodi il 25/10/2009 21:27
    piaciuta.
  • Kartika Blue il 20/10/2009 14:33
    bellissima!!
  • Anonimo il 20/10/2009 13:14
    .. un distillato dell'anima.. e a guardarla bene conserva la lucentezza e le sfaccettature del diamante..
    lacrima in tracce di me..
    splendida..
  • Don Pompeo Mongiello il 20/10/2009 12:30
    Piaciuta davvero
  • Vincenzo Capitanucci il 20/10/2009 12:27
    Leggendola mi ha fatto venire in mente.. l'uomo che cammina sui pezzi di vetri... ha due anime..
    Dal cuore esce.. una lacrima solitaria... intagliata... in tutte le sue sfacettature...
    Bellissima... Giusi..
  • Salvatore Ferranti il 20/10/2009 11:56
    poesia malinconica... ben scritta...
  • Maurizio Cortese il 20/10/2009 11:35
    È proprio vero che il cuore ha bisogno di essere lavorato come un diamante: poi darà il suo meglio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0