username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La caduta

Trascurabile imprudenza
la mia
cado
da un'altezza calcolata male
il brivido
non è solo sulla schiena
coinvolge anche le gambe
dritte come lame di paglia
saranno loro
a percepire i primi effetti
quando tutto tornerà normale
quando il brusco movimento
di questa ora
sarà solo un ricordo
quando non sarò che silenzio
cado
per un errore banale
le braccia aperte
non bastano
a rallentarmi
non hanno piume le mie mani
gli occhi vedono mille immagini
in un secondo
senza metterne a fuoco una
magari riuscissi a volteggiare!
È un dramma
nella mia bocca
guerra di denti
Ormai
non cado più
precipito
non riesco più nemmeno a pensare
addio
l'ultimo appiglio
immagini sfocate di facce note
qualcuno di voi
mi ha voluto bene?
Ditemelo
fate presto
tra poco non riuscirò più a sentirvi
uno di voi almeno
me ne ha voluto veramente?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • giusi boccuni il 21/10/2009 21:27
    fortissima mi arriva questa tua poesia! raccolgo l'accorato invito all'attenzione
  • Anonimo il 21/10/2009 21:03
    Bellissima.
  • Anonimo il 21/10/2009 20:40
    .. grandissima sensibilta' i questa tua.. ricca di emozioni che trasmetti e che ti rivelano.. apri le scapole
    e vola in alto..
    bravissimo.. la trattengo
  • C G il 21/10/2009 14:48
    Mi hanno colpito, in questa poesia, il bisogno e il vuoto affettivo umano, che ne traspare. Inoltre, rivela, grande sensibiltà.
  • Dolce Sorriso il 21/10/2009 12:58
    non siamo mai davvero soli...
    piaciuta molto... siamo con te!
    bella
  • Anonimo il 21/10/2009 11:33
    A volte si compiono passi più grandi di noi, voli pindarici che ci allontanano dal mondo, si cade e brividi di dolore, di rabbia, di paura trafiggono la nostra anima. Passano visioni davanti a noi, lampi di colore di cose, volti, persone care che si accartocciano su se stessi nel nostro folle volo, uno di questi lampi ci darà la forza di rialzarci, di rinascere come un'araba fenice. In alcuni momenti l'uomo si sente solo, tracurato, ma vive sempre per qualcuno: uno di questi lampi, visioni che lo rialza se cade. Complimenti, ciao.
  • Marhiel Mellis il 21/10/2009 11:12
    Eccomi... Trovo di una bellezza sconvolgente questa tua... così visiva di emozione di un stato d'animo (spero che non sia realtà di un evento) che prende la mente... Complimenti per la "scossa" poetica che hai saputo suscitare! Ciao.
  • Salvatore Ferranti il 21/10/2009 11:11
    Grazie Daniela... del sostegno. grazie a tutti
  • francesca cuccia il 21/10/2009 11:00
    Quando si cade si spera sempre di avere qualcuno accanto che ci aiuti a risalire. Bella.
  • Anonimo il 21/10/2009 10:21
    ... eccomi... ops.. troppo tardi, sei già caduto!! Mi spiace... ma prima di toccare terra sapevi che c'era qualcuno che ti voleva bene...
    Un bacio
    Dani
  • virginia poggi il 21/10/2009 10:11
    sapere che durante le cadute della vita non si è soli di certo non salva ma consola... solo che chi ci vuole bene dovrebbe dimostrarlo anche prima di perderci... bella salvatore!
  • Anonimo il 21/10/2009 10:09
    Sembra di viverla qs caduta. Leggo un bisogno di risconto d'amore, di fiducia, di aiuto. Sicuramente ti hanno voluto bene...

    1 abbraccio. M

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0