accedi   |   crea nuovo account

DIALOGO

Esco, stringo tra le mie mani
il caldo sacchetto del pane
fresco di forno,
ma ecco che una donna,
accoccolata a terra,
in silenzio... chiede.
Distrattamente le dono
una moneta,
poi continuo per la mia via.
Ma degli immensi occhi scuri,
mi guardano, mi scrutano,
mi fermano, poi
con straniero accento
dolcemente la donna dice:
"Tu per me, Dio per te".
Sussulto, la misteriosa creatura
ha intuito la mia segreta fame?

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • laura cuppone il 24/09/2007 13:37
    il calore del "pane" e l'appartenenza con la carità..
    di chi siamo.. per chi siamo..
    la tua fame interiore ti fa onore..
    Bella
    ciao L
  • Teodoro De Cesare il 11/04/2007 19:45
    bello l'interrogativo finale che ha il sapore della classica domanda esistenziale alla quale non so se sia utile rispondere...
  • Franca Maria Bagnoli il 14/10/2006 22:23
    Bello questo dialogo breve ma ricco di saggezza. La risposta della donna straniera è una magnifica preghiera. Ciao. Franca.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0