PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vacanze Aliene

Entro in punta di piedi
Silenzioso ed un po’ impacciato
Schivo e riservato

Quanta gente!

Cerco, disperatamente,
di ritagliarmi un piccolo spazio,
ma qui tutti spingono, urlano.

Quanta maleducazione!

Molti imprecano al loro Dio,
rubano, imbrogliano,
poi li intravedo in chiese a supplicare il perdono.

Quanta ipocrisia!

Mi avvicino all’uscita, senza spingere,
cerco di non ferire nessuno in questo mio incedere,
molto ho amato e in tanti mi hanno amato.

Quanta vita su questa terra!

Malgrado tutto è stato bello,
divertente ed istruttivo,
piacevole ed interessante, ma ora devo andare.

Quanta mi è costata però questa vacanza!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Rosarita De Martino il 03/06/2012 20:54
    Il grosso problema di noi uomini è che spesso scaviamo un abisso fra il "nostro credere e il nostro agire" nella vita quotidiana. Con condivisione poetica ti saluto. Rosarita
  • Cinzia Gargiulo il 22/10/2009 00:19
    Piacevole poesia che offre anche spunti per riflettere.
    Un abbraccio...
  • Fabio Mancini il 21/10/2009 22:59
    ... A proposito mi dispiace per il costo della tua vacanza! Ciao, Fabio
  • Fabio Mancini il 21/10/2009 22:56
    Non so dove abiti Cesare, perché ad esempio le chiese di Roma sono affollate esclusivamente da persone anziane. I giovani e le persone di mezza età entrano in chiesa giusto a Natale, figurarsi a supplicare un perdono verso chi a malapena conoscono. Forse il problema nasce quando tra la gente si diffonde il pensiero che esiste un Dio fesso, al quale si può raccontare qualsiasi bugia e fare ciò meglio ci aggrada. Per coloro ci sarà un triste risveglio... Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 21/10/2009 20:31
    Bellissima Cesare.
  • Francesco Giofrè il 21/10/2009 18:58
    la vacanza un posto dentro l'anima
  • Anna G. Mormina il 21/10/2009 17:45
    ... bella e scorrevole!... bravo!
  • Vincenzo Capitanucci il 21/10/2009 16:21
    Meno male... che si torna al lavoro... per poetica mente... riposare...
    Costi... quel che costi... è stata una vacanza...
    Bravo Cesarone...
  • Anonimo il 21/10/2009 14:33
    Bellissima e... scorrevole, mi piace!!
    Dani
  • Anonimo il 21/10/2009 14:14
    mi piacerebbe leggerla come racconto, per approfondire.
    bella anche così, comunque
  • Anonimo il 21/10/2009 13:45
    Mi è piaciuta molto... lo scorrere delle parole si legge con piacere...
  • loretta margherita citarei il 21/10/2009 13:42
    bella come racconta esperienza vissuta, sorbole
  • Giovanni Ibello il 21/10/2009 13:16
    è bella però non è propriamente una lirica. Ha uno stile quasi prosastico.
    bella però.
  • Dolce Sorriso il 21/10/2009 13:04
    Cesare... che bella
    ti è costata tanto ma n'è valsa la pena
    bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0