PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L’Amore incarna nel Suo cuore lo Spirito divino

Quando sento il Tuo leggero re spiro
anima re
i celesti corridoi dei miei occhi

spezzo
immediata mente
tutte le mie catene

inseguo
con un candelabro
acceso

in tutto il mio castello
lungo le scalinate di oscure stelle
spente
bruciando gli arazzi
sulle pareti delle mie nudità

il Tuo spirito
il Tuo non corpo

donandoti la mia carne
nel supplicante bacio
d’un caldo passionale labbro

manifesti
nei nostri cuori
sanguinanti

la Tua serena divina luce

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 22/10/2009 16:18
    ... quando sento il respiro del Divino, le catene che opprimono il mio cuore, si spezzano... resto nella Sua Divina Luce!
    Bellissima Vincenzo, tanto tanto!!!!
  • loretta margherita citarei il 22/10/2009 13:33
    bella ed intensa cap grazie del tuo aiuto
  • Francesco Giofrè il 22/10/2009 11:53
    queste tue parole così fragili e pure
    grazie dell'emozione
  • ANGELA VERARD0 il 22/10/2009 11:31
    straordinariamente incantevole... spezzare le cantene, inseguire la luce di una candela... un quadro d'amore passionale in cui mi ritrovo
  • Donato Delfin8 il 22/10/2009 11:31
    Bella Vincè
  • cesare righi il 22/10/2009 11:15
    bbrrrrrrrrrrrrividi nel leggerla. 5st

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0