accedi   |   crea nuovo account

Lontani

Mille pensieri.
L'uomo è nato per soffrire.
Io ero libero,
ora sono dentro un armatura,
schiavo delle mie leggi,
libero dentro il buio freddo di una lamiera;
nonostante squarci
questa orrenda armatura,
la mia libertà è muta.
Vado verso dove?
io non so dove!
io non ho da chi.
Il dolce parlare,
il calore di un amico,
la monotonia della vecchia vitaccia,
il tenere duro
non mollare
ed io faccio questo
ma stasera dopo tanta sofferenza
ho capito.
Devo lasciarvi andare
perchè questa cruda paura
di perdervi
mi taglia il fiato.
Sono salpato
spero che il vento soffi tanto
e
che sia gelida l'aria
cosicchè le ferite ed il sangue caldo
geli al contatto con l'aria
ed il mio cervello
si atrofizzi
in modo che io non possa più pensarvi.
Vi ho amati
in modo diverso
ma con la stessa intensità
ed ho cercato di darvi tutto quello che mi avete chiesto.
Voi siete stati un caldo riparo
in una giornata gelida.
Vi lascio così
senza mille parole
senza odio e amore.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 18/09/2016 08:28
    molto bella... complimenti.

4 commenti:

  • CARMEN GULLO il 30/10/2009 22:20
    semplicemente... vera@
  • loretta margherita citarei il 22/10/2009 13:34
    triste ma hai la forza x risorgere
  • Anonimo il 22/10/2009 13:12
    Non credo sia il modo migliore per sciogliere il gelo dentro una fredda armatura... invece sarebbe bello toglierla e depositarla in cantina, giusto per andare a guardarla ogni tanto e ricordare questi momenti...
    Ti abbraccio
    Dani
  • anna rita pincopallo il 22/10/2009 12:13
    la fuga è sempre la via che porta ad un sicuro baratro. le emozioni sono ponti attraverso questi baratri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0