PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un posto sacro

Tutto è come allora,
Tranne le nostre vite
Arrese al vuoto dell’esistenza.
Contemplo il giorno
Ed ho gli stessi occhi di allora
Anche i colori sono gli stessi di allora.
Tutto è fermo ed immobile qui.
Dolore naufrago
Come polline bianco
Pare leggero
Ma pesa come neve
Vaga nel vento
Tale e quale a un virus
Alcune cose le sfiora
Altre le adombra
Le ghermisce
E la si posa,
ma il campo in costruzione
è anch’esso come allora.
solo le nostre vite
si son corrose nel fato
ma questo no
questo è un posto sacro.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Nicola Lotto il 16/10/2006 16:55
    è proprio così. non sono riuscito a contenere la malinconia. o forse non ho voluto
  • patrizia chini il 15/10/2006 21:03
    È bella la chiusa:
    difesa ad oltranza del posto dei nostri ricordi quando di essi non abbiamo altro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0