accedi   |   crea nuovo account

Tu eri, anche, italiana

Quando io ti raccontavo
le mie piccole “pene”,
Tu mi aprivi
il tuo cuore.
Tu avevi in fondo al cuore,
una ferita
che si acuiva,
quando ne parlavi.
E sempre risalivi a
un vecchio esame
Che ebbe condizionato
la tua vita.
Rivedevi la cattedra,
un cerchio di persone…
e, infine, la più arcigna,
lei, che ti interrogava:
ti fece una domanda,
tu rispondesti bene.
Ma quella ti diceva:
“Tu sbagli! ”
E un quattro ti metteva
e dopo, commentava:
“Questi stranieri,
sono tutti uguali:
voglion togliere il posto
agli italiani. ”

Con l’animo in tumulto,
dal preside accorrevi,
gli raccontavi tutto:
“Vediamo, signorina, se il voto
è scritto a penna oppur
con la matita... ”
Quindi, ti accompagnava:
spiccava in nero inchiostro
dentro al registro, il voto.
Da allora...
Tu imparavi,
quel che dicevi a me:
che le persone infide
pressano sulla carta,
la scrittura.
Ma, Tu, figlia della Germania,
che avevi sposato un Italiano,
e amavi dell’Italia la poesia,
tu eri anche italiana, zia Maria.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 22/10/2009 19:11
    Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0