username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Uccelli

Quando l’oscurità del cielo si fa più pura
e la fiammeggiante sfera risplende altrove,
come gli uomini, anche noi torniamo ai nostri nidi,
e senza dire e senza fare ci beiamo di questa calma.
Anche il respiro col riposo si fa più lento,
e ci fa nascondere la testa
per non sentire e contare i battiti del cuore.
Magia della sera:
dappertutto era rumore e movimento
ora è solo pace e silenzio.
Riparati e ormai al sicuro sul tetto
guardiamo preoccupati i fantasiosi voli
e le acrobatiche picchiate
di chi, non rassegnato, cerca ancora
laggiù, tra le colline, un ultimo
raggio di sole che gli insegni a non morire,
o, morendo, a non rivivere.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • francesca cuccia il 23/10/2009 10:11
    Lottiamo per viveve.
    Non ci arrenderemo mai all´oscuritá.
    Bravo.
  • Anonimo il 23/10/2009 09:44
    Finchè c'è Luce c'è il volo libero...
    Bravo...
    un bacio
    Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0