username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mano del destino

Il sorriso sereno
ritorna dalla parola
che rimargina sempre, il vuoto
della lontananza.
E mentre cade la pioggia
sugli aridi sentieri, sento
allontanarsi dagli occhi
le ultime bellezze
di questo mondo.
Il sole stanco, le residue
luci di una speranza che
si affievolisce.
Gli orizzonti sono
troppo bassi, le vie
sono troppo strette,
buie silenziose, come
avvolte dalle tenebre.
Anime senza colpe.
Cuori senza amore.
Ali spezzate, poi la
mano del destino,
sorprese di vita.
Voglio ricordarti
cosi, oltre l'inganno...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • claudia checchi il 22/02/2013 21:15
    in effetti... grazie fabio.
  • Fabio Solieri il 22/02/2013 19:57
    Ermetico autunno, oltre l'inganno, polvere di tenebre, per fortuna c'è un sorriso sereno, peccato per quei cuori senza amore
  • claudia checchi il 28/10/2009 16:39
    ciao dolcissimo... faccino simpatico... un abbraccio da tisky...
  • Donato Delfin8 il 27/10/2009 17:56
    Bravissima Tisky
  • claudia checchi il 24/10/2009 14:26
    Ciao Cinzia... grazie...
    ricambio con molto affetto l'abbraccio..
    Claudia.
  • Cinzia Gargiulo il 24/10/2009 08:33
    Piaciuta.
    Un abbraccio...
  • claudia checchi il 23/10/2009 22:32
    grazie... lupoalato maria.. di avere apprezzato i miei versi, e in particolar modo sulla chiusa... un caro saluto..
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 23/10/2009 21:58
    devo dire che negli ultimi versi è stato davvero sorprendente leggerti poichè dai un tocco di verità... bella
  • claudia checchi il 23/10/2009 21:31
    grazie bruno x avermi letta.. e trattenuta.. è una vera gioia... un caro saluto.. cla..
  • claudia checchi il 23/10/2009 21:30
    grazie loretta.. del commento veramente gradito... un bacio. claudia.
  • Anonimo il 23/10/2009 20:46
    Bella.
  • loretta margherita citarei il 23/10/2009 19:15
    apprezzata stato d'animo nebbioso, spero in sfaldamento, te lo auguro.
  • claudia checchi il 23/10/2009 18:20
    grazie Patty.. la speranza di un domani migliore è quello che ci aiuta a vivere... ciao claudia.
  • claudia checchi il 23/10/2009 18:18
    Certo che no.. Ugo apprezzo molto le tue parole.. e con la mia semplicià.. ti dico grazie... e rigrazie per dirmi poi
    bella e brava claudia... non ti biasimo anzi ti apprezzo... un abbraccio se posso... ciao.. Claudia.
  • Patty Portoghese il 23/10/2009 18:16
    La speranza unica arma per vivere. Triste, spezzata ma risorgerà.
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/10/2009 18:12
    Decisamente scoraggianti questi versi, li regge solo l'evoluzione fonica e strutturale che li accompagna, ma rimangono molto sconfortanti. Prendono vita certamente da un cuore sfiduciato, ripropongono un pessimismo diffidente dalla realtà. Sì, sfruttano figurazioni di buon lirismo e sembra che l'autrice voglia miscelarle sapientemente a immagini cupe per dar risalto allo spessore del verso ma, mi domando: cosa fanno i soggetti adulti senza autonomia, senza capacità di auto realizzazione, senza sufficiente fiducia in se stessi? Contribuiscono allo sfaldamento della propria esistenza? A che vale aggrapparsi alla poesia se questa non serve? La poesia, oltre a proporre una gioiosa vicinanza allo spirito, oltre ad aprire strade verso il nirvana è, quando serve, anche un inno alla sopportazione, alla pazienza, alla riscossa. Spero che la bella e brava Claudia Checchi mi capisca e non voglia biasimarmi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0