PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sera di giugno

Cala le palpebre il giorno
ma tu capricciosa rimandi
l'istante di darti al tuo sonno.
Dopo l'Ave Maria recitata
per fare più pura la notte
«Ancora! » la voce reclama
«Ancora! » imploranti i tuoi occhi.
Sorpreso e invero commosso
da tale innocente richiesta,
rinnovo la prece più amata
da chi si avvicina alla morte.
Il canto di quell'usignolo
l'innalzi al cielo più lieve.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Minalouche TS Elliot il 24/10/2009 21:52
    Non posso che confermare le parole di Ugo e Alfonso.. davvero bella! Una carezza serena nel leggerla. Grazie Maurizio.
  • Anonimo il 24/10/2009 19:55
    Ugo sa commentare molto meglio di me e visto che lo ha fatto lascio a lui il commento... aggiungo solo un mio mi piace molto bella
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/10/2009 17:32
    Questa lirica è una voce immersa nel paesaggio della spiritualità di Maurizio Cortese, descritta attraverso segni, forme e suoni scanditi dal procedere del verso profondamente mistico e sereno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0