PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

AD UNA CAGNA

Una cagna, nel freddo della bruma
dai rognosi peli e capezzoli piagati
da cinque bastardi voraci ed innocenti,
mi dà fastidio come dei petardi
spezzanti i segreti stretti della gente.
Lei non capisce, con i suoi latrati,
che nulla posso: non posso farci niente.
Non è da me buttare giù campane,
fare un tutt’uno del giorno e della notte,
del giovane pimpante e del vegliardo.
Non posso fonderli e fare una bilancia
con i suoi piatti in una dimensione;
donarle un bastone insieme a tutti i sassi
che tanto ha gustato dopo l’abbandono.
Che altro ci rimane mia pulciosa….
Metterci sotto un albero e montare
la giostra che ci porta sempre indietro,
o coi tuoi morsi farla deragliare?

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Susanna Melis il 16/10/2006 17:41
    Molto profonda:esprime il forte senso di impotenza che si prova spesso nella vita ma rivela anche la resistenza dell'anima coraggiosa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0