PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pulendomi facendomi polizia delle mie anarchiche orecchie con un dito in arresto di luce

Alza il volume
del tuo udito
se vuoi cambiare
il seme del tuo destino

staccati
dalla pula

volando
nel magico inconscio lume

resta libero
desto

in un giorno di vento di solare est!!!!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • sergio il 24/05/2012 10:07
    molto bella e sintetica
  • Donato Delfin8 il 25/10/2009 20:40
    Ke dire Vincè
  • Anonimo il 25/10/2009 20:34
    Sei fantastico!
  • Cinzia Gargiulo il 25/10/2009 19:27
    Sei unico Vincè!
    Baci...
  • Anna G. Mormina il 25/10/2009 14:54
    ... sii solo frumento libero della tua vita!
    Vincenzo è davvero bellissima!!!!
  • Anonimo il 25/10/2009 13:32
    sintetica ma efficace. bravo
  • Anonimo il 25/10/2009 10:41
    Le scorie della vita... lasciate andare, pur senza dimenticarle, per restare libero di volare...
    Un caloroso abbraccio domenicale
    Dani
  • Giuseppe ABBAMONTE il 25/10/2009 10:11
    Grande Vincenzo.
    Staccarsi dalla pula, le scorie del grano.
    E così restando libero. Di essere e di volare, privo di laboriosi vincoli e di inutili sovrappesi.
    Nella Luce. Verso il Sole.
    Buona Domenica
    Giuseppe

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0