accedi   |   crea nuovo account

Il custode delle stelle

Uno spazio profondo tiene tra le mani
Quasi tremante ne sente il bisogno
Prova emozione per quei mondi lontani
Il resto è puro sogno

Ha paura, l'infinito lo attende
L'occhio scruta silenzioso nuove luci
Là fuori è così vasto, sterminato
C'è solo il silenzio come unico amico

Il custode delle stelle
Il suo compito sa qual è
L'incedere del sole
Si muove dentro di sé

Si sente così piccolo, impaurito
Travolto dall'immensa bellezza
È sconvolto, non capisce
L'incredibile mistero universale

Ma è uomo ed è un punto minuscolo
Tra le orbite di mondi sospesi
Tra galassie e sistemi solari
È uomo tra piccoli uomini

Ma il custode delle stelle
Il suo compito sa qual è
L'universo,
L'infinito tutto è dentro sé

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 19/11/2009 22:03
    L'infinito dentro ognuno di noi, con i nostri limiti, ma pur sempre un piccolo universo. Bella.
  • Anonimo il 26/10/2009 21:35
    uno è uno e l'universo è l'universo, relazioni al "minimo sindacale".
  • Anonimo il 26/10/2009 19:57
    il custode delle stelle è il custode delle nostre debolezze. Bravo
  • Anonimo il 26/10/2009 18:03
    Si, anch'io mi sento piccola di fronte all'universo... sono come il custode di stelle che ha intorno l'infinito!!
    Un bacio
    Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0