username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Grida bambino grida
Perché nemmeno colei che ti ha generato
è più in grado
di tenerti tra le sue braccia.

È il silenzio duro da rompere
È la testa china che rifiuta il sole
È quell'unica lacrima che riga il viso
E non se ne va.
Sono occhi profondi e voci attraenti
Sono parole senza senso
in bocca a uomini meschini, a tutti,
sono il falso, bugie e tradimento
sono il desiderio di sonno
per non vedere questo mondo
Forse sono un illuso,
un bambino tra gli adulti
annoiati dal sentirlo parlare.

Avvelenami oscuro demone
Con le tue labbra severe
E leggi il sorriso nei miei occhi
cercando l'antidoto in vano.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 12/11/2009 19:01
    oppure sei una voce di questo mndo che non ha più nulla di sacro
  • Samuele Scagliarini il 28/10/2009 09:56
    Vi ringrazio. Daniela, il demone temo sieda già da tempo sul trono di radici che ha posto nel mio cuore. Ed il suo veleno deve aver già bruciato tutte le mie vene... ma io sorrido.
  • danilo il 27/10/2009 23:28
    affascinante il tuo modo di scrivere la tristezza,
  • Maria Piera Pacione il 27/10/2009 22:48
    tristezza e dolore si fondono in queste magiche righe... complimenti sei grande!
  • Anonimo il 27/10/2009 22:06
    Grida bambino tutta la rabbia... e tu demone vediamo se riesci a prendermi!!!
    Io spero di no... un bacio
    Dani
  • Patty Portoghese il 27/10/2009 21:20
    Cela sofferenza..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0