accedi   |   crea nuovo account

Attorno al bosco.

Cime frondose screziate d’amaranto,
su vellutate mandorle mature,
offrivano sbieco riparo all’imperturbabile compostezza del sole.

Un vasto selvaggio di colline perfette
s’estendeva a riempire verde gli occhi.

Il vento dolce oscillava la valle
carezzandone le voglie con delicate pennellate d’aria:
all’invisibile suo tocco sembrava volesse dipingere d’un verde manto persino l’onnipotente azzurrità del cielo,
che su tutto s’opponeva stagliandosi d’incanto.

Ciuffi marroni di vita s’animavano d’intensità
brulicando silenziosamente accanto al brusio
quieto di luccichii
d’un vispo corso d’acqua.

Ammantandomi al canto armonioso
del naturale ed eterno microcosmo
asciugo gli estremi,
smorzo gli angoli in cui sovente mi bagno.

Megalitici problemi d’acciaio
s’increspano d’edera selvaggia
fondendomi alla gaia necessità
d’un altra vampa sfocata di vita,
arresa alla somma.
sottratta alla resa.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Susanna Melis il 21/10/2006 08:12
    Sei bravissimo. MOlto molto bella.
  • alberto accorsi il 19/10/2006 11:24
    troppa grazia! sbottò qualcuno viittima del proprio eccesso di slancio nel superare l'ostacolo, insomma troppe immagini, metafore, figure.
  • miryam maniero il 18/10/2006 21:56
    mi piace la poesia quando si tuffa nella natura e cattura bellezza e saggezza...
    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0