username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La giusta metà della notte (lame come parole)

Ho parlato nel cuore della notte giuste parole
lame ficcanti dal manico d'ebano nero
Dove il senso della vita si percepisce
nel dolore di un istante

allora mi hai cercato nei suoni di una canzone giapponese
allora mi hai trovato nel suonare in piazza
abbracciato al tenero raggio del sole

parole da un libro che gronda verità
avvicinato e bruciato dalle lettere violente
letteratura da scartare, da violare

allora mi hai trovato tra le righe di una melodia andina
allora mi hai cercato tra le mura di un illusione
smarrito nel cercare giuste sonorità

non smettere di avvertirmi sul dolore
le parole che trascrivo sono aghi che penetrano
il mio sottile pensiero vacuo e vago

sono suoni striscianti... sono oscure parole
che nascondono per ferirmi, stupide lusinghe
e per sempre maledette assurde vanità...

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 29/10/2009 16:14
    da leggere in controluce
  • suzana Kuqi il 29/10/2009 11:58
    molto bella
  • Cristiano Stella il 29/10/2009 11:21
    grazie, è veramente bello ciò che scrivete, ma credetemi è troppo
  • francesca cuccia il 29/10/2009 10:29
    Nulla e'più vero della verità stessa, bella.
  • Anonimo il 29/10/2009 10:22
    Non ho parole Cristiano... bellissima!! Il senso della vita quando si percepisce, anche se in un istante di dolore, è sempre un passo avanti e sempre positivo...
    Un bacio
    Dani
  • Anonimo il 29/10/2009 10:17
    È uno spettacolo leggerti.
  • Patty Portoghese il 29/10/2009 09:28
    .. il senso della vita nel dolore di un istante. Molto piaciuta, la tengo!
  • Salvatore Ferranti il 29/10/2009 09:21
    molto bella, versi intensi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0