username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cicale

Sopite
sin dal primo tremore
mute
ascoltano pazienti
muoversi e rumereggiare
mondi alieni
lontani e circostanti

Sognano forse
senza immaginare
senza un contrario
senza elementari
congiunzioni
senza cromatiche
alchimie

Risaliranno radici e cortecce
assaporando l'aria
violenta e abbagliante
per denudarsi poi
in spietata metamorfosi
per seppellire
il loro futuro
e volteggiare attimi d'eterno
e anonime spegnersi
al ciclo assunto

Ma non prima
d'aver contribuito
col dolore e la vendetta
del canto
a rompere equilibri del silenzio
conversando ad una
ad una
con le stelle
fino a riempire zeppo
della notte
il ventre

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • oreste vallini il 27/01/2013 19:54
    mi ricorda l'infanzja ed il pensiero delle zampette vibranti.
    carina brava oreste
  • Antonietta Mennitti il 03/11/2009 20:43
    Incantata!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/10/2009 06:26
    Ci calo!!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/10/2009 06:25
    Immaginare... uscendo fuori da contrarianti opposti... è l'elementare congiunzione... di alchemici astri...
    Sempre splendide... Laura... nel ventre ho le stelle...
    Un cantante abbraccio... di fine settimana...
  • laura cuppone il 29/10/2009 20:13
    scrivi quello che vuoi... sei sempre il benvenuto, Alfonso...
    un abbraccio e grazie
    Laura
  • Anonimo il 29/10/2009 20:10
    Dopo quello che ti ha scritto Ugo io che posso dirti se non molto bellla
  • laura cuppone il 29/10/2009 19:53
    grazie infinite Ugo,
    gli insetti mi affascinano molto...
    sono davvero incredibili, come incredibile é la loro distanza da noi...
    eppure sono fondamentali..
    eppure non li rispettiamo
    come niente.. d'altronde...

    grazie!!!!
    Laura
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/10/2009 19:47
    Laura C. ci offre in versi quasi una lezione di entomologia, bravissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0