accedi   |   crea nuovo account

Tentazione

Quanne me guard'accussì
Mikè, me fai murì.

Te veco dint'all'uocchie
nu desiderio
ca dint'all'uocchie e nato
nun ll'aggio mai nutato.
Me dicono: te voglio,
me fanno sentì femmena;
e brividi e passione
me scorrono p'e'vvene.
O core s'arrevota
comme si fosse a primma vota.

Sì cchiù e na tentazione,
sì freva,
malatia;
sì fuoco ca me strura
si ll'acqua ca disseta,
me perdo, vivo, moro,
cu e vase tuoie, Mikè.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Fiscanto. il 22/05/2010 01:17
    Una poesia molto bella, davvero interessante.
  • giuliano cimino il 30/11/2009 23:27
    bella anche se confesso anche io di non averla capita tutta la lingua.. complimenti comunque
  • Ezio Grieco il 10/11/2009 15:41
    ... si hai capito!
    Ciao Claudia, grazie.
  • claudia checchi il 08/11/2009 00:20
    spero di capire un poco... sei come una tentazione, sei un fuoco e un'acqua che mi disseta, mi perdo vivo e muoio...
    cu e vase tuoie... non riesco... ma deve essere bellissima... claudia.
  • Ezio Grieco il 30/10/2009 14:52
    ... amici miei, ho notato solo adesso che i commenti sono stati scritti... all'alba, ma che lavoro fate? Le guardie notturne? hahahahahahahaahh
    ... un'abbraccio ad entrambi.
    mike
  • Ezio Grieco il 30/10/2009 14:49
    Ciao Vincè, che bel commento!!!!
    ... non è che hai esagerato?
    Grazie.
  • Ezio Grieco il 30/10/2009 14:48
    Ciao Lory, come stai amica mia?
    Grazie per essere passata.
    ... hai visto?... mi sono... dedicato una poesia... hahahahahaha
  • Vincenzo Capitanucci il 30/10/2009 06:49
    Quando scrivi... accussì... Mikè... me fai murì...

    Meravigliosa sonorità... un incanto di parole...
  • loretta margherita citarei il 30/10/2009 05:24

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0