accedi   |   crea nuovo account

Ieri

Nel letto, inerme e distesa,
irrompe la sua aura dorata
che acceca e incanta
ogni secondo vissuto.
Rompo lo schema, e cedo
nella vertigine che assale
questo triste pregare
pensiero di moralità.
Lego le storie e le imbrunisco,
asciugandone le lacrime oscure
ricoprendo le zolle
e rompendo il suffragio, le cure.
Ma non vi è certezza,
e il malessere s' arrampica
impervio, povero e tenace
come spesso sa fare
dando quasi lo scacco fatale.
Gli occhi come pozzi di vita,
grazie a un tuffo assuefatto
risalendo la riva,
gioisco ancora di più
Malgrado ogni cosa,
ieri non significa per forza errore.
Malgrado ogni cosa,
ieri non significa per forza merda.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Kartika Blue il 30/10/2009 21:19
    davvero molto bella, complimenti!!
  • Anonimo il 30/10/2009 21:07
    Bella, bravo.
  • Anonimo il 30/10/2009 18:58
    Dimmi che quello che stò leggendo lascia intravedere un piccolo barlume di speranza!!!
    Ti abbraccio Dani
  • Patty Portoghese il 30/10/2009 15:40
    .. cela.. sorry!
  • Patty Portoghese il 30/10/2009 15:40
    Poesia che cella sempre un malessere interiore, ma dalla quale si sprigiona un velo di luce.. continua!
  • Polo Nord il 30/10/2009 15:23
    Mi piace davvero tanto, ma come tutti i tuoi scritti.. "Rompo lo schema, e cedo nella vertigine che assale questo triste pregare pensiero di moralità." bella tanto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0