username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Grida

Qualcuno sta gridando
da qualche parte...
nella mia testa
c'è solo il rimbombo del suo lamento
qualcuno grida
più forte adesso
giunge sino a me
il suo sgomento
è una donna
questo è certo
ma non so dove sia
non so chi sia
ma urla cosi forte
che non resisto
uso entrambe le mani
come muro
al suo acuto
alla lama di suono perverso
perchè non sta zitta?
Solo il tempo di pensarlo mi lascia
poi
come non fosse mai esistita
d'improvviso smette
c'è silenzio ora tra le mie dita
forse l'hanno soccorsa
quella poveretta
forse qualcuno
meno vigliacco di me
ha sceso di corsa le scale in fretta
e l'ha salvata dalla sua sorte
o forse
povera creatura...
È morta
con i pugni serrati
e la bocca ancora aperta

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 30/05/2013 00:46
    L'urlo di Munch, così straziante e opprimente.
    Uomo o donna che sia, nell'urlo è la solitudine o la ribellione, la disperazione e il desiderio di abbandono. Grande spunto poetico Salvatore. Bravo.
  • sara meneghello il 19/05/2011 07:25
    Bellissima. poesia reale, di sofferenza
  • Evelyn Di Maio il 02/02/2011 15:37
    Toccante. Dolce e Tremenda allo stesso tempo. Sicuramente sbaglio, ma io ci vedo l'urlo di dolore di un'illusione, un ideale, una speranza andati in frantumi.
  • Bianca monti il 01/11/2009 07:28
    fa riflettere
  • Vincenzo Capitanucci il 31/10/2009 07:58
    Bellissima Salvatore... una voce dell'anima.. uccisa per modo di dire... dall'indifferenza...

    Dentro e fuori... coincidono... quello che succede dentro di noi.. succede fuori...
  • stefania saglioni il 31/10/2009 00:58
    Un grido potente... una vita che si spegne... nessuno che fa niente! Quante volte sarà capitato e capiterà. Ormai siamo abituati all'indifferenza. Una scossa alle nostre coscienze. Bella.
  • Anonimo il 30/10/2009 23:54
    È capitato anche a me in reparto... quando senti gridare di dolore, rimane impresso, è indelebile!! Se ci penso la sento ancora e questo racconto mi ha accentuato ancora di più le sue grida!! Bella e straziante!!!
    Ti bacio
    Dani
  • Anonimo il 30/10/2009 22:56
    Bella.
  • Maria Piera Pacione il 30/10/2009 22:28
    bella ma straziante... riesco a sentirle anch'io quelle grida... la tua poesia è cosi reale... complimenti
  • vasily biserov il 30/10/2009 22:14
    bella!!
  • Antonietta Mennitti il 30/10/2009 22:03
    Piaciutissima Salvatore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0