accedi   |   crea nuovo account

La soglia della vita

Nasco,
rinasco sempre dallo stesso parto
di sofferenza e di rinuncia,
tra le stesse radici di sangue
e le lacrime e le grida
per annunciare la vita.
Muoio,
rinasco dallo stesso parto assurdo,
di materia e di umori,
di sangue e amore di donna,
a gridare la mia esistenza.
Con il sale e farfalle in volo,
tento di colorare i miei disinganni,
con parole d'amore i miei versi.
Nasco,
rinasco ancora,
da un parto assurdo
di sesso assuefatto ad asincrone
sensazioni di passione,
nell'ultima briciola d'amore
raccolta in un universo di non amore!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anonimo il 10/06/2011 08:53
    Abbiamo abolito il dolore perchè non è comodo ed economico. E abbiamo rinunciato a rinascere così... e ora nasciamo e moriamo una volta sola.
  • RAFFAELLA MUNNO il 11/03/2011 19:15
    arriva al cuore
    bellissima
  • Anonimo il 08/11/2010 18:11
    vero, bella e interessante
  • Anonimo il 03/09/2010 07:47
    Grande verità, nasciamo e rinasciamo dallo stesso parte e dallo stesso sesso. Bravo Poeta
  • Sergio Fravolini il 10/07/2010 14:53
    Sempre nello stesso posto... li dove non c'è nessuno.

    Sergio
  • Marco Giardina il 19/04/2010 20:51
    quando sono nato pingevo... mentre tutti gli altri ridevano.. quando morirò gli altri piangeranno, e io riderò..
  • Gabriella Salvatore il 11/04/2010 17:12
    Versi carichi di dolore di riflessione sulla vita, molto duri, ma incisivi. Molto bella!
  • Anonimo il 31/12/2009 17:12
    Bellissima, perchè mi ci specchio davvero molto in ciò che hai scritto e bellissima anche perchè l'hai scritta in un modo meraviglioso. Grande Ruben e tanti auguri di buon anno!
  • francesca cuccia il 03/11/2009 17:03
    Meravigliosa non aggiungo altro.
  • Ruben Reversi il 31/10/2009 16:09
    GRAZIE DOLOCISSIME CLAUDIA AURORA KARTIKA, SI MUORE SI RINASCE NEL DOLORE. BACIO rUBEN
  • Kartika Blue il 31/10/2009 12:18
    estremamente dolorosa e bellissima!!
  • Anonimo il 31/10/2009 12:02
    .. quanto dolore.. che ben riesci a trasmettere in questi tuoi versi..
    ma gia tu nel parto della vita.. rinasci.. e rinasci
    bravo Rubens.
  • claudia mezzetti il 31/10/2009 11:49
    C'è evidente dolore dentro di te... ma ha fatto un regalo a te e a tutti noi dettandoti questi bellissimi versi...
  • Ruben Reversi il 31/10/2009 11:16
    VOGLIO RINGRAZIARVI DOLCISSIME MONICA E STEFANIA PER LE PAROLE INTENSE DI CONFORTO, NELLO SPRONARMI
    A VIVERE NUOVE DIMENSIONI D'AMORE. UN BACIO RUBEN
  • Anonimo il 31/10/2009 10:46
    Devi fare di quella "briciola d'amore" la tua medicina per guarire dal dolore. Solo l'amore, nelle sue molteplici sfaccettatture ci gonfia il cuore per affrontare nuovi giorni. L'amore in ogni sguardo, in ogni parola, in ogni abbraccio, in ogni viale alberato d'autunno, in ogni onda del mare... solo l'amore...

    1 abbraccio
  • stefania saglioni il 31/10/2009 10:14
    Che dire... si nasce e rinasce ogni giorno. Ci si illude che tutto sia diverso mentre, tutto resta uguale. Spetta a noi provare di cambiare. Confucio dice: L'errore più grande che l'uomo può fare, non è cadere, bensì pensare di non potersi rialzare. Per quanto dolore abbiamo, si deve vivere. La poesia è carica di dolore e rancore. Come sempre ti esprimi al meglio e lasci la sensazione amara nell'anima di chi vive queste sensazioni. Ottimo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0