username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Avevo 8 anni, maestra degli orrori

Avevo 8 anni
quando sei arrivata tu,
maestra degli orrori,
ogni giorno, per tre anni,
le tue botte dispensate con rabbia furiosa,
i lividi sulla carne
e lo spirito dell'infanzia
lacerato dal senso d'inadeguatezza.
Eravamo due vittime
... poi lui ha cambiato scuola
lasciandomi protagonista incontrastata
dei tuoi soprusi;
ogni pretesto era buono
quelle mani taglienti su me
mentre m'insultavi di fronte a tutta la classe,
io, paralizzata,
mi isolavo nel mio mondo ovattato
dove tutto sfugge.
Ricordo quella recita di Natale,
mi avevi esclusa
e mentre il viso si rigava di lacrime
l'orgoglio mi suggeriva
un finto mal di denti.
Mamma, scusa,
a lungo sono rimasta in silenzio,
ma non volevo che soffrissi
scoprendo di avere una figlia
piena di colpe, diversa, inferiore.

Maestra degli orrori,
ero la formichina senza via di scampo
che calpestavi indifferente,
le mie insicurezze di oggi
sono le umiliazioni di ieri;
ma sono cresciuta
e ora so
che sei tu
a dover sprofondare
nelle sabbie mobili della vergogna.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • Stefano Di Tommaso il 17/02/2010 16:38
    io più che scrivere una poesia mi sarei rivolto ai caramba
  • Anonimo il 22/11/2009 18:42
    un ricordo molto doloroso... bella poesia
  • Giuseppe Tiloca il 04/11/2009 20:11
    Certo, perchè io spero che sprofondi bene quella lì
    Brava Kartika
  • Dolce Sorriso il 03/11/2009 20:50
    sono senza parole...

    un abbraccio
    Anna
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/11/2009 11:57
    Un percorso adolescenziale difficile ma costruttivo da grande. Oggi un bel lavoro, un pessimo ricordo di ieri!
  • Ruben Reversi il 02/11/2009 16:58
    veramente crudele il mondo di voragini creato dalla tua maestra arpia, ma credo che inn fondo la vittima era lei,
    profondamente sola se non riusciva ad amare i bambuni. brava dolcissima! Ruben
  • Anonimo il 02/11/2009 00:17
    Allucinante
    un ruolo così importante per la crescita dei bimbi, si può trasformare nella devastazione dell'anima...
    il ruolo dell'insegnante dovrebbe essere una passione, invece alle volte si ha la sfortuna d'incontrare persone di questa bassezza, capaci di rovinare l'equilibrio dei bambini. Assurdo
    Meno male che hai avuto la forza di lasciarti alle spalle questa...
    per fortuna ci sono anche dell evere insegnanti con la passione del proprio lavoro
    ciao
    Angelica
  • augusto villa il 01/11/2009 23:23
    Caspita!... La giro volentieri al mio maestro di musica delle elementari e alla mia prof di lettere delle medie...
    Come ti capisco...
  • terry Deleo il 01/11/2009 22:32
    Sono senza parole...
    Un abbraccio
    terry
  • Giuseppina Iannello il 01/11/2009 18:34
    Io Ti capisco bene, anch'io sono stata un'esclusa da bambina, proprio riguardo alle recite. Vedi la mia poesia: "Niente".
  • francesca cuccia il 01/11/2009 15:40
    Un abbraccio amica di cuore.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/11/2009 06:24
    le mie insicurezze di oggi
    sono le umiliazioni di ieri...

    Tu sicuramente hai reagito con Amore... e adesso sei Donna... con qualche piccola.. insicurezza... altri no... e diventano violenti... un vero problema storico di popoli... a livello mondiale...

    so cosa vuol dire essere preso di mira... da un professore... essere deriso davanti a tutta la classe... solamente perché portavo i capelli lunghi... ho perso un anno... e dovuto cambiare scuola...

    un abbraccio Kartika...
  • Maria Piera Pacione il 31/10/2009 23:27
    capisco il tuo stato d'animo. l'infanzia violata è uno strascico che ti porti dietro x la vita e seppur si è vittime si vive con la colpa... facile travolgere la mente dei bambini ma la cosa più grave è la forza che impongono di vivere nel silenzio... ti sono vicina. ciao
  • Kartika Blue il 31/10/2009 20:36
    grazie di cuore a tutti per le vostre bellissime parole di conforto e solidarietà! Per fortuna non tutte le maestre/i sono come quella che è toccata a me, esistono anche insegnanti meravigliosi... come di sicuro sono Loretta e Ignazio!
    Un abbraccio allargato!!!!!!!
  • Francesco Giofrè il 31/10/2009 18:40
    ho sempre sostenuto che il male della scuola sono i professori/maestri che non sono psicologicamente in grado e spesso ti segnano così profondamente che la tua vita è macchiata x sempre!
  • stefania saglioni il 31/10/2009 18:32
    Forte messaggio... il dolore di ieri ti ha resa di granito oggi. La scuola dovrebbe essere un rifugio sicuro, dove imparare, giocare ed essere sereni. La tua poesia è uno spaccato di straordinaria e brutale realtà. Quella realtà che, spesso vogliamo nascondere a noi stessi per non affrontarla. Un grande abbraccio. Brava.
  • Anonimo il 31/10/2009 17:33
    Mamma mia quanto dolore... Ho un figlio di 11 anni ed una di 5. Solo l'idea di una cosa simile mi angoscia. Kartika che esperienza! 1 abbraccio forte ad una grande persona che ha superato un dolore simile...
  • Salvatore Ferranti il 31/10/2009 16:58
    la tua esperienza è stata drammatica, se dopo tutto questo tempo ancora provi tanto rancore. la poesia è di quelle che fanno tremare. molto intensa.
    un abbraccio
  • Anonimo il 31/10/2009 16:58
    Ti abbraccio e comprendo, un mio figlio ha provato tutto questo!! Bellissima e spero che sia davvero sprofondata..
    Un bacio
    Dani
  • Anonimo il 31/10/2009 16:47
    durezza e dolore... malinconia d'anima... in vesi struggenti e molto intensi... brava e coraggiosa
  • Aedo il 31/10/2009 16:37
    Sono rimasto senza parole, colpito dalla terribile esperienza: com'è possibile perpetrare simili crudeltà a una bambina, segnandola profondamente nell'anima? La tua grandezza spirituale ti ha consentito di superare il trauma subito; ma, come dici bene nella chiusa, lei adesso dovrebbe sprofondare nella vergogna e nella consapevolezza del suo essere "nulla". Sono anch'io un insegnante e so quanto siano fondamentali per un ragazzo le prime esperienze scolastiche. Ti capisco profondamente.
    Un caro saluto
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 31/10/2009 16:22
    horror hause, quella scuola brava sono maestra anche io, ma ancora mi salutano gli ex miei figlioli che ora sono uomini. insegnare è una vocazione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0