username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I sogni dei bambini

I bambini
sono gli occhi
nel nostro futuro:
meridiane e coordinate
per capire dove stiamo andando.
Facciamoli crescere nell'amore
e nel rispetto del più debole
ed avremo contribuito
a rendere il mondo migliore.
I loro sogni sono
la dimostrazione vivente
di come i nostri
si sono realizzati.
Vocabolario di un destino comune
che non conosce tempo,
ci porteranno là,
dove noi
non osiamo più andare,
perchè abbiamo scordato
come si torna indietro.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/03/2014 23:29
    Mi sa tanto che questa società sta soffocando ogni voce limpida che cerchi di restituire valori ad una gioventù sommersa da edonismo ed egoismo becero. La nostra voce è sommersa dall'urlo dei mass media e dalla potenza del denaro che sta affogando ogni valore etico e morale. Apprezzabile composizione ma destinata a restare voce di risveglio inascoltata!

12 commenti:

  • Anonimo il 07/03/2014 23:41
    AD IVAN IURATO
    Scusami se mi intrometto, ma non trovo che i tuoi suggerimenti di cambiamento della composizione apportino alcuna rilevante variazione alla "prosaicità" della poesia. Prosastica era prima e prosastica rimane anche adesso con i tuoi suggerimenti. E poi trovo sempre inopportuno "suggerire" agli altri cosa e come scrivere e proporre un testo alternativo. Ognuno ha un proprio stile di scrittura ed è difficile che proponendo un testo alternativo una persona dall'oggi al domani cambi quel suo stile. Forse vale di più un consiglio a rivedere la propria composizione cercando di renderla meno prosastica. Ma se si suggerisce un testo altrettanto prosastico a cosa serve il suggerimento?
  • Salvatore Ferranti il 17/10/2009 17:06
    i bambini, voce della verità i bambini... siamo noi! bella poesia
  • Marco Vincenti il 23/10/2007 20:07
    sante parole i bambini sono come un quaderno su cui scrivere il nostro futuro, Bella
  • Riccardo Brumana il 09/04/2007 11:05
    un bel proposito, sperando che sia condiviso da tutti, purtroppo l'educazione e il formarsi del carattere di un figlio non dipende solo dall'educazione dei genitori. un po' troppo ottimista come poesia anche se spero che tu abbia ragione
  • antonio sammaritano il 02/04/2007 12:21
    I bambini sono, come giustamente dici, la dimostrazione delle nostre speranze, Susanna... anche se alcune non sono andate a buon fine vivono attraverso loro.
  • michele marra il 14/01/2007 11:15
    semplice e lineare con un messaggio incisivo
  • Susanna Melis il 22/10/2006 17:27
    ehehhe... come dire.. la classe non è acqua!! Effettivamente rende decisamente meglio. Grazie Ivan per questo tuo prezioso contributo.
  • Ivan Iurato il 22/10/2006 17:13
    Beh... bella, sempre troppo prosaica pero', forse le critiche sono rivolte a quest'aspetto del tuo scrivere, il sentire poetico, invece, c'e' tutto.
    Provo a dare una mia interpretazione del tuo scritto: "
    I bambini sono gli occhi,
    meridiane e coordinate
    per il sestante del nostro futuro.
    Che crescano,
    corroborati dal nostro amore,
    rispettosi della vita,
    nuovi germogli carnosi
    linfatici embrioni
    d'un mondo migliore
    Nei loro sogni giacciono
    potenti le speranze avverate
    dei nostri sogni realizzati.
    Ingenui abbecedari
    del nostro estino comune
    che non conosce tempo.
    Cosi', ci condurranno la'...
    dove noi non osiamo più andare,
    perche' abbiamo scordato come si torna indietro."
    Scusa l'esperimento, cara Susanna, l'ho fatto solo per gioco...
    come vedi ho lasciato la tua chiusa(in quelle sei sempre molto abile) ma ho provato a riscrivere in un linguaggio più "poetico" le tue belle sensazioni.
  • Susanna Melis il 22/10/2006 15:11
    Grazie Marta a quanto vedo dovrò migliorare... grazie a tutti! Ciao. Ciao.
  • alberto accorsi il 21/10/2006 23:50
    i pensierini sono belli ma la poesia no
  • Susanna Melis il 21/10/2006 20:50
    Caro Simone, io cerco di tradurre in parole alcune mie sensazioni, sarò forse poco tecnica ma non certo retorica!!
  • Simone Sansotta il 21/10/2006 20:11
    Perdonami, ma molto spesso non riesco a capire che le tue sono poesie. Troppa retorica per i miei gusti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0