accedi   |   crea nuovo account

Due Novembre

E chiagne pur'o cielo
cu schizzich'e dulore,
o sole annascunnuto
e ll'aria grigia e cupa.
N'addor'e Crisantemi
for'a stì luoghi santi,
na prucession'e core
pe ghì a vasà chi è caro.
Novembre è mese mesto,
nu meso e pucundria,
lumin, sciur'e chiant
po juorn'e tutt'e Santi.
E pure o juorno appriesso,
il due, giorno dei morti,
na Prece e na cannela
pe chi nun c'è stà cchiù.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/11/2014 16:45
    In vernacolo emoziona ancor di più. Bravissimo!

3 commenti:

  • Ezio Grieco il 20/12/2009 22:13
    ...è sempre un piacere leggere i vostri commenti; grazie amici miei.
    cl
  • loretta margherita citarei il 03/11/2009 07:04
    bella
  • Anonimo il 02/11/2009 22:56
    Piaciuta Ezio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0