username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sepoltura

Le mie dita
rapite dal senso d'abbandono
scorrono in moto inverso
sui merletti ruvidi
di questi ruderi
una volta
gloriosa torre d'avorio
d'ebano
e marmo


Distinguo
lamenti uditi appena
da folle trascinanti
grigie figure
dal deserto al fiume
e cerco di rilassare
le mie palpebre stanche
in una volontaria chiusura
di sipario
ma tese
m'insanguinano gli occhi
e guardo
lampeggiare il mio riflesso
nell'acquitrino verdastro
pozza di speranza
ai miei piedi

Dove sei
mia volontà perduta
dove
ti hanno gettata?
Mai
verranno a riprenderti

Se solo la pioggia potesse
annegarmi
se il vento
disfare potesse
le mie fattezze
in cenere
se la mia pelle tiepida
smettesse d'esser liscia
come una foglia lucida
o il petalo
se questi pensieri
potessero ingoiare
e sublimare...
se questi capelli
irriconoscibili frattaglie rosse

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/03/2012 18:39
    splendida poesia complimenti laura

20 commenti:

  • Donato Delfin8 il 06/06/2010 18:42
    Piaciuta.
  • cristina russo il 06/11/2009 04:38
    Ero sicura che avresti capito le mie intenzioni e riconosciuto la mia voce
  • laura cuppone il 05/11/2009 20:42
    Nico
    quando mi leggi
    standomi a gomito
    e non di fronte
    sei sale
    .. per me

    grazie
    Laura
  • laura cuppone il 05/11/2009 20:41
    ... non é caratteriale
    in me
    assistere alla vivisezione
    seppure in buonafede
    di un mio delirante
    insignificate
    infinitesimale
    eterno momento
    ma voglio ringraziare caldamente cristina, seppur con un pochino d'imbarazzo, per l'analisi accurata e attenta, per la scomposizione
    e per l'intuito...

    "The Others"... é una penombra che piace anche a me... come i forti contrasti.. o le profondità cromatiche dalle infinite sfumature...

    grazie cristina...
    un bacio
    Laura
  • Nicola Saracino il 05/11/2009 08:31
    Sgorgante smarrimento del primattore invisibile in mezzo a un numeroso pubblico silenzioso, davanti ad un palcoscenico senza sipario, dove entrano es esono di scena soltanto suoni di richiamo. N
  • cristina russo il 05/11/2009 00:28
    Ho trovato immagini saporite senza dubbio frutto dell'amore per un gusto semplice e raffinato della parola proprio come gli anelli di chi lavora all'uncinetto con cui crea trame complesse. Farei solo un appunto sulla forma in quanto alcuni versi sono più adatti alla prosa, altri perfino alla diaristica. È apprezzabile la tua versatilità ma a mio parere dovresti modellare le voci degli spiriti che attorniano il poeta con più cura, ad esempio:
    "Le mie dita
    rapite dal senso d'abbandono
    scorrono in moto inverso
    sui merletti ruvidi
    di questi ruderi
    una volta
    gloriosa torre d'avorio
    d'ebano
    e marmo"
    (Questa strofa potresti contestualizzarla come fosse una lettera che la protagonista sta leggendo, oppure una vechia pagina di un diario, o il ricordo di un sogno, l'eco di uno spirito).

    (Qui sotto inizi a pensare a quelle voci o quella voce e quindi lo scriverei in prosa)

    Distinguo lamenti uditi appena da folle trascinanti grigie figure dal deserto al fiume e cerco di rilassare le mie palpebre stanche in una volontaria chiusura di sipario ma tese m'insanguinano gli occhi e guardo lampeggiare il mio riflesso nell'acquitrino verdastro, pozza di speranza ai miei piedi.

    (seguendo questa linea secondo me dai più spessore al testo sfruttando la forma per evidenziare i contenuti, quindi continuerei alternando i versi, "la voce" alla parte narrata in forma di prosa)

    "Dove sei
    mia volontà perduta
    dove
    ti hanno gettata?
    Mai
    verranno a riprenderti"

    Se solo la pioggia potesse annegarmi, se il vento disfare potesse le mie fattezze in cenere, se la mia pelle tiepida
    smettesse d'esser liscia come una foglia lucida o il petalo, se questi pensieri potessero ingoiare e sublimare...
    Se questi capelli irriconoscibili frattaglie rosse, sparsi sul mio profilo terrorizzato smettessero di schiaffeggiarmi.
    Se il mio ventre vuoto non desiderasse la morte trapassato dal desiderio, dalle tue membra ghiacciate forse...
    (Questa parte la trovo molto shakespeariana

    Potresti anche usare l'espediente della follia per giustificare la presenza di una seconda voce o natura nella protagonista ovvero distinguere una voce che rappresenta i pensieri consapevoli e una voce segreta che la protagonista sente nella sua mente.

    "Forse potrei decider di seguire
    quella folla vagante
    e lasciar cadere a picco
    queste povere pietre
    tra i flutti e la pece"

    Ma il mio spirito disubbidisce al logico e resta un contrappeso e lascia al caso ricordi stremate carcasse senza degna
    sepoltura...

    (Forse sono io troppo visionaria ma se unisci i versi che ho tarscritto tra virgolette e li leggi come fossero un unico testo e fai lo stesso con la parte che ho messo in forma di prosa, vedrai che sembreranno proprio i discorsi di due voci, due presenza seppur molto legate)
    Fammi sapere che ne pensi ;P

    P. s. L'atmosfera mi ha ricordato molto quella di un film che ho amato molto "The others" di Amenabar
  • Anonimo il 04/11/2009 22:40
    Mamma lunga ma bella, il ritmo perfetto ha fatto si che nin mi stancassi nel leggerla, anzi. Complimneti
  • laura cuppone il 04/11/2009 15:09
    grazie infinite a tutti!!!!!!

    un abbraccio!!!!!

    Laura

    ps---per ferny:
    grazie dolcissimo...
    bacino di fata

    per Cristiano:
    adoro il gotico... anche in musica... anche..
  • Anonimo il 04/11/2009 12:12
    ... è bellissima... (scorrono in moto inverso)...!
  • Cristiano Stella il 04/11/2009 09:46
    il tuo scrivere rievoca antichi racconti gotici... è una scrittura che mi fa goder della parola. brava
  • Ruben Reversi il 04/11/2009 00:25
    Dolce laura strugente e bella in un viaggio attraverso i meandri dell'anima. brava! bacio Ruben
  • giusi boccuni il 03/11/2009 23:27
    amaramente bella...
  • Adamo Musella il 03/11/2009 21:55
    La ragione cede il passo, il fiume irruento scava percorsi di pura casualità che donano brio e vita alle nostre attese. divina come sempre cara Lau, baci. tantissimi.
  • Anonimo il 03/11/2009 21:50
    Meravigliosa.
  • Gremory S. il 03/11/2009 21:34
    Sublime. Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 03/11/2009 19:51
    bravissima come sempre
  • Salvatore Ferranti il 03/11/2009 19:32
    sei bravissima come sempre... cara Laura. ti mando un bacio da cinque stelline
  • ANGELA VERARD0 il 03/11/2009 19:11
    una tristezza disperata descritta in versi sublimi... La trovo Bellissima
  • Fernando Biondi il 03/11/2009 18:48
    scrivi in modo meraviglioso, che qualunque cosa tu scrivessi sarebbe poesia, però mi dispiace leggere in questi versi, tanta tanta amarezza, quasi desiderio di morte, non voglio sentire parole così tristi dalle tue labbra. il poeta triste sono io. che ti metti a farmi concorrenza? un abbraccissimo sincero.
  • Dolce Sorriso il 03/11/2009 16:46
    mi hai commosso fatina
    un abbraccio
    Anna

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0