username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Judas

Sereno lo sguardo
come le acque del lago,
la pelle bruciata dal sole
per le ore passate in barca,
Judas, figlio di Simone,
ha il sorriso dell'amore,
e la luce delle sue pupille
un Uomo gli ha acceso.
Il vento sposta le nuvole,
e Judas senza saperlo,
allontana come il vento,
l'incertezza, il dubbio,
perché egli ama il Maestro.
Ti ho visto piangere, Judas,
d'un pianto disperato,
il dubbio primitivo prendeva
le fattezze della certezza:
il Maestro ti ha tradito!
Non guerre come tu bramavi,
ma pace nei cuori.
Judas, il tuo amore
di ombre e luci,
Judas, sei in noi.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 06/11/2009 23:08
    Fabio è stupenda, grazie per averla scritta.
  • Anonimo il 04/11/2009 21:44
    Meravigliosa Fabio.
  • loretta margherita citarei il 04/11/2009 16:55
    bellissima fabio, ma benedetto judas, se non avesse tradito non ci saremmo salvati
  • Anonimo il 04/11/2009 16:34
    Non guerre come tu bramavi, ma pace nei cuori.. stupenda
    disarmati dall'odio.. non puoi farti scudo con niente e questo spaventa, fino a che l'amore ti ripara con la sua forza
  • Salvatore Ferranti il 04/11/2009 11:00
    Bella questa poesia, è quasi una canzone, ha un ritmo che cattura.
    bravo davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0