PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il fiore sulla roccia

Il navigar nella tormenta dell’anima mea
v’approdò alla quiete e come una tempesta lascia
al bello del chiaror che viene l’arco dei mille colori,
un’icona nel nitor dell’anima….
…un fiore nato dalla roccia s’apprestò.
Stolto fiore nascesti laddove condanna v’è al soggiornar!
La dura roccia non potrà ospitar
né al futuro assicurar la tua beltà.
L’estate facea soffrir il fiore e… la roccia
ma giunse poi inaspettata la pioggia.
La roccia e il fiore vollero trattener benevole stille
per vivere un sogno, un desiderio, ma senza successo.
Piangea la roccia di rivoli argentei che scendean via sul dorso suo,
ed il fiore dai petali suoi acquifere perle coniava.
Un fiore volle da una roccia…svettar e sapea di morire
e alla sua ombra la roccia struggea l’anima sua.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 04/06/2011 11:29
    Aulica, melodiosa
  • Anonimo il 16/03/2008 01:07
    davvero toccante complimenti.
  • Nella Bernardi il 27/01/2007 11:10
    oltre alla sua verità è anche una bella metafora, ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0