PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E nemmeno lo sai

Stanca parli di me come se fossi tua tasca
convinta d'avermi realmente osservata fino ad ora,
ma il tuo giudzio è così, solo.
Mai a chiederti cosa mi spingesse verso mille terre diverse da te,
mai a pensare di me come chi per anni si contende uno tuo assenso.
Preoccupata di occhi altrui m'hai persa di vista
le tue parole fumose tossiscono errori mai compiuti,
ma nemmeno lo sai.
Tra le rughe, lacrime strisciano,
terrorizzate dalla paura d'esser sola, tu,
che vivi rivestita da un mantello di ambiziosi pregiudizi,
che fanno di me una figlia oscillante.
Un giorno sono di cristallo, un altro di pura roccia, per te,
forse è tempo di guardare,
cammino da sola, e non solo su fili di rasoio.
ma nemmeno lo sai,
Madre.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Federica Vezzo il 04/04/2011 11:08
    Grazie tante davvero, questa poesia tocca ad ogni lettura una corda davvero delicata per me, proprio perchè la mamma è sempre la mamma nonostante tutto!
  • Orazio Claveri il 04/04/2011 07:09
    Una dedica stupend a prescindere dalle incomprensioni, la mamma è sempre la mamma, brava
  • Anonimo il 19/04/2010 18:28
    rende alla perfezione il grande paradosso intriso di amarezza che è il rapporto genitori-figli..
  • Salvatore Ambrosino il 10/01/2010 14:23
    una poesia che lascia amarazze nel finale, l'incomprensione fra madre e figlia, purtroppo è il male della società
  • antonio castaldo il 19/11/2009 15:17
    incomprensioni tra madre e figlia esistono da sempre e sempre esisteranno
    facciamo però in modo che restino..."semplici incomprensioni"
    piaciutissima! complimenti!
  • Giuseppe Mandato il 16/11/2009 23:37
    Stupenda... è vero talento il tuo!
  • Anonimo il 05/11/2009 21:00
    Piaciuta.
  • Antonietta Di Costanzo il 05/11/2009 20:39
    È arrivato il momento di andare... vai per la tua strada, e non condannarla, a volte noi genitori commettiamo l'errore di credere che i figli ci appatengono in tutto e per sempre... non è cosi... comprendila se puoi...
  • Anonimo il 05/11/2009 20:13
    A volte le colpe, se colpe si vogliono cercare, non stanno mai da una parte sola... ad ogni modo molto bella nella sua inevitabile durezza.
  • loretta margherita citarei il 05/11/2009 19:38
    forti parole
  • laura cuppone il 05/11/2009 18:00
    toccante...
    Laura
  • Anna Maria Russo il 05/11/2009 17:39
    fare la madre è un compito arduo... tante volte noi madri sbagliamo.. non condannarla.. fai in modo che si ricreda.. un abbraccio
  • Samuele Scagliarini il 05/11/2009 16:08
    Condivido a pieno i concetti, ma non il destinatario. Mi ha toccato proprio per questo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0