username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se

Se gli altri sapessero
quello che in cui credo io
mi prenderebbero per fesso
quanta gente ho conosciuto
che pretende solo di giudicare
quanta gente
che ti punta il dito contro
ma io so come starne alla larga ormai
e chiudo a chiave il mio segreto
a doppia mandata
ma non in un cassetto
c'è un posto più sicuro
e a chi mi chiede
come sto
rispondo
"tutto bene!"
stringo mani
regalo sorrisi
ma se quelli sapessero
quello che vedo io
per me ci sarebbe poca pace
non voglio più
che si arrampichino sul mio specchio
così chiudo la porta
ma in maniera così gentile
che non c'è chi s'è accorto
d'essere rimasto fuori
sorrido a trentadue denti

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

24 commenti:

  • Chiara Marenghi il 12/11/2009 10:35
    Riflessione sincera, diretta e amara... complimenti davvero. è come una freccia che coglie in pieno il bersaglio.
  • Silvia Pag il 08/11/2009 02:16
    Quante verità in questa opera.. mi piace molto.. bravo salvatore!
  • loretta margherita citarei il 07/11/2009 15:54
    per vivere tranquilli bisogna far così apprezzata
  • Francesca Chiodi il 07/11/2009 12:34
    Piaciuta e preferita. Molte e molte volte ho visto in me chiudersi porte e sgranare sorrisi. Strenua difesa di ciò che possediamo di più caro, come devotamente si proteggerebbe uno stendardo di seta, da chi senza cura lo calpesterebbe con la propria paura ed ignoranza, perché troppe volte è stato fatto, e fa male assai.
    Ma mi interrogo. Cui prodest?
    Sigillare la propria ricchezza nella torre più alta di sé stessi... o seminarla ogni giorno nei cuori, offrendo il proprio spirito in sacrificio e ritrovandolo a brandelli?
  • Anonimo il 07/11/2009 12:26
    Salvatore è stupenda, di una profondità unica!!! Complimenti!!
    Un bacio Dani
  • Anonimo il 06/11/2009 23:58
    bellissima poesia... un'amara constatazione... il mondo si nutre di ipocrisia e si lascia morire nell'omologazione... ognuno possiede un'anima... che funge da specchio... ognuno ha il diritto di specchiarsi senza dover rendere conto a nessuno... deve vivere di cuore e di testa... e non scusarsi di ciò che è... e non calpestare la sua essenza...
  • lara qua il 06/11/2009 21:02
    il problema non è in "se gli altri sapessero.." ma è nel fatto che gli altri, io, tu, tutti sappiamo che la realtà è quella che hai scritto... bella e amara la tua poesia... un condizionale che non c'è.
  • Patty Portoghese il 06/11/2009 19:05
    Bella, vera e sincera.. quanti avrebbero voluto scriverla.. io si.. buona serata amico poeta!
  • angela ambrosini il 06/11/2009 17:17
    ciao salvatore, ho letto la tua poesia con molto interesse è veramenre bella. la penso come mara la gente non tutta ma una buona parte si non guarda dietro vede solo il davanti e non si sofferma ad apprezzare la vera bellezza, sinceramente mi ha colpito fino dentro l'anima. un bacio
  • giovanna raisso il 06/11/2009 16:30
    " se gli altri sapessero.."ma non sanno
    non sevono commenti..
    ti abbraccio
  • Anonimo il 06/11/2009 16:12
    So di cosa parli, combatto con i giudizi ada una vita, ma sinceramente ho smesso di preoccuparmi di quello che pensano gli altri di me
    Io sono...
    con le mie diversità
    con i miei pensieri distorti
    con le mie follie
    con la mia voglia di silenzi
    con la mia passione per il mare che mi porta da lui, quando ho bisogno di respirare.
    Perciò comprendo benissimo questo stato, come comprendo la chiusa, anche io ho chiuso la porta molto delicatamente ma in molti, davvero in molti sono rimasti fuori, forse qualcuno senza neanche accoregene tanto.
    Ma ora finalmente mi riconosco e voglio che mi amino per quella che sono.
    Ciao Salvatore, sei riuscito a descrivere in prosa quello che che si prova quando gli altri a priori giudicano e ti puntano il dito sempre contro, senza rendersi conto di quello che hai dentro, Meglio lasciarli fuori, tanto dentro non ci stanno a fare niente.
    Un saluto
    Angelica
  • Vincenzo Capitanucci il 06/11/2009 15:11
    Se sapessero quello che credo e so... mi prenderebbero per fesso o per matto.. punterebbero subito il dito contro di me... deridendomi nel loro giudizio... e quando mi chiedono come stai... rispondo solo... va tutto bene... che è la pura verità...
    Da dietro la porta chiusa... lascio passare dal buco della serratura... un filo di luce... in gocce di strette di mano e di sorrisi... gocce poetiche... perchi saprà raccoglierle e berle... la porta d'incanto... svanirà... fra canti e risa... raggiungerà... chi sta già festeggiando...
    Bellissima Salvatore... in certi momenti... quel sorriso..è un po' amaro... per mancata condivisione... ma è così...
  • Anonimo il 06/11/2009 15:08
    Molte persone purtroppo vedono solo quello che vogliono vedere, in base a delle etichette assurde, dei pregiudizi ti puntano il dito contro e ti dicono ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, pretendono di conoscerti. Per tenere fuori questi individui indossiamo maschere che apparentemente ci uniformano alla massa, tutto bene diciamo, io personalmente preferisco ignorare certe persone e camminare a testa alta. Se credo in qualcosa lo dico e lotto per raggiungere i miei obbiettivi, se qualcuno mi punta il dito contro, mi definisce strana, pazienza, peferisco essere considerata pazza piuttosto che rinunciare a essere me stessa, ai miei ideali, ai miei sogni. Non temere questi ipocriti, spesso sono solo invidiosi perchè loro personalmente non hanno il coraggio di cambiare le cose, di essere se stessi, quindi si limitano a spurare veleno contro gli altri cercando di smontarli, tu smonta loro rimanendo te stesso. Complimenti, ciao
  • Donato Delfin8 il 06/11/2009 15:04
    Bella riflessione. A volte però ci si trova come in uno specchio non trovi?
  • francesca cuccia il 06/11/2009 14:26
    Se la gente sapesse molte cose non farebbero tante altre cose, belle parole.
  • Anonimo il 06/11/2009 14:19
    Ci sono momenti in cui ci si chiude nella "stanza" del nostro IO, per osservarci da vicino e per aiutarci a percorrere le strade giuste. In quella stanza non e' permesso l'ingresso a nessun'altro. non sarebbe giusto. Gli altri di cui parli che non sanno di te e' perche' non hanno guadagnato la tua fiducia ed e' normale tu li tenga alla larga, considerando poi l'ipocrisia e la superficilaita' che accomuna molte persone, la cosa non devrebbe pesarti.
    Anche nel mio caso sono pochissime le persone a cui ho permesso uns piccola sbirciatina nelle "mie stanze segrete".

    Molto bella.

    Monica
  • Marhiel Mellis il 06/11/2009 14:05
    Devo dire decisa... bella.. sì, un pensiero che ti sostiene come paravento di solite apparenze.. ma nello stesso tempo non puoi chiuderti, non devi allontare, pur con un sorriso, qualsiasi evento che ti capita magari perchè hai paura di non essere compreso. Quello che è in te, le tue convinzioni, i tuoi desideri potrebbero al fine trovar casa e non ci sarebbe più necessità di segregarle nel tuo io. Ciao
  • Kartika Blue il 06/11/2009 14:00
    È molto più semplice giudicare, sputare sentenze piuttosto che comprendere. I segreti del proprio cuore è meglio tenerli nascosti finchè non trovano orecchie meritevoli! Bella poesia, belle riflessioni!!
  • Giorgia Spurio il 06/11/2009 13:54
    *specchio
  • Giorgia Spurio il 06/11/2009 13:54
    si molto riflessiva, già il titolo suggerisce i pensieri dell'uomo, i suoi dubbi le sue peplessità.
    spesso si è troppo buoni e gli altri non si prendono una mano bensì il braccio.
    spesso si ha paura di manifestarsi in tutta la nostra natura, le nostre fedi e le nostre opinioni perchè si ha paura di esser classificato come un diverso, come una persona da emarginare.
    si indossa una maschera e ci si comporta come fa la massa, si risponde che tutto va bene e si sorride.
    ma alla fine si dice basta..
    ok continuiamo a sorridere, ben venga il sorriso complice per chiudere "gentilmente" la porta in faccia alla massa.

    belle riflessioni e anche le metafore come quella dello speccio molto bella
  • Anonimo il 06/11/2009 13:33
    Concordo con Anna Maria in più aggiungo una cosetta mia Si sente in dovere di dover giudicare
    come se qualcuno lo dovesse pagare. Il solito scemo che trovi dovunque che spara alla cieca un po' su chiunque.
    Non critica, vomita, soltanto parole credendo l'illuso di far la sua prole.
    Nascosto rimane coraggio non ha e fa la figura di un gran baccalà.
  • Anna Maria Russo il 06/11/2009 12:49
    Si le persone giudicano sempre, riescono a vedere la pagliuzza nell'occhio dell'altro e non la trave che hanno nel loro
    sorridi e non fai trapelare nulla è il miglior modo... molto bella
  • Anonimo il 06/11/2009 12:47
    Credo che in ognuno di noi ci sia una parte che nessuno concosce e spetta noi decidere se mostrarla o meno, con la coscienza dei pro e dei contro di un'eventuale scelta.
    Penso che la tua poesia parli di questo.. un tema interessante!
    Bella
    Un saluto
    Sara
  • Anonimo il 06/11/2009 12:30
    A volte la gente vede solo l'aspetto esteriore di noi. Bellissima la tua poesia, mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0