username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Densità 1025

Sponde sicure
cerco
mentre piove dentro
la testa
e senza speranza
Imbarco
acqua,
emorragia controsenso,
s' annacquano
le poche idee

Fuggo
e guizzo
e nel gorgo
investo
convinzioni precarie
inzuppate,
macerate nei non sensi,
relitti di stratificazioni selvagge
di me.
Ridicoli annaspano vecchi draghi
familiari,
abbarbicati a zattere apparenti...
ma il risucchio incede
inesorabile richiamo dai fondali,
mescita di umori e liquidi
mi siedo
e assordante
scroscia
e scorre
acqua da me.
giallo oro
densità 1025.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusto villa il 06/06/2010 22:15
    Userei il classico "che"... oppure toglierei..."ke avevo"...(non serve, è sottinteso)
    ... Comunque la trovo molto bella... Complimenti!!!...
    ----------
  • Anonimo il 09/03/2010 10:48
  • antonio castaldo il 09/12/2009 17:39
    piaciutissima! complimenti!
  • Fiscanto. il 07/12/2009 21:57
    molto bella
  • Vincenzo Capitanucci il 07/11/2009 07:04
    Bellissima... Aradia... imbarco acqua... in emoraggie di controsenso...

    Anno 1025... le origini di Azzate... mi ha fatto ridere quello che ho trovato... le vicende della famiglia Bossi... feudataria di Val Bossa... e le trasformazioni della lingua italiana... nel nostro caso.. il ch.. che si traforma in K..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0