accedi   |   crea nuovo account

Una ferita lungo la bocca dalla costiera Amalfi tana allo stretto

Mi avevi pre desti nato
ad una vita senza
mor dente

palazzi
in palati di ali ti
beati

dal Sole
baciati

invece
c'è
sulla dentiera
a mar firmata

tartaro
abusivismo
mala vita

scavi fosse
otturazioni
di denti del giudizio

giudici
tribunali
tribolazioni
inghiottiti
dalla violenza quotidiana

di degrado
ambientale

poveri denti
scalzati

saltati
in aria

in lingue di bocche
in di genti

ponti arcobaleni svaniti
in capsule orbi tanti

ree
di non aver saputo
rimasti carie bene il giusto
bel paese

distinguendo dall'avido conta minato cibo

un Si ambientale economico di armonico rispettoso Amore

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giusi boccuni il 08/11/2009 23:40
    e in quanti luoghi manca questo armonico e rispettoso amore per la natura... in quanti luoghi l'avidità ha distrutto la bellezza... di fronte al deterioramento penso spesso al mandala, potrà riemergere costruzione nuova dalla distruzione?
  • Anna G. Mormina il 08/11/2009 19:56
    ... quanti denti saltati in aria...
    ... molto bella Vincenzo!!!
  • Patty Portoghese il 08/11/2009 16:23
    Dura verita'! Amo quella costa superba!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0