username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Roma antica

Città eterna
dai mille volti antichi,
ruderi dimessi.
Ancor alteri,
una civiltà sontuosa.
Fili d'erba fan da corona
sassi e pietre
raccontan la storia.
Cesare le strade ha calpestato,
suo il sangue versato.
Gladiatori combattenti,
udite bene,
ancor si sentono destreggiar d'armi
nell'anfiteatro Flavio,
architettonico
glorioso esempio.
Parmi udire
voci soffocate,
gente annichilita
pregar furtiva.
Proprio lì
nella Catacomba è
Santa Domitilla.
Città mia
ti canto con emozione
pensando ai fasti
di quella stagione.
Anch'essa teatro di
umane carneficine,
pari a tutte l'epoche sono.
Ricordando la gloriosa posizione,
tutte le strade
portano a te.
Ti vivo oggi
in altra dimensione
più terrena,
meno umana,
non per questo
meno amata.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2009 23:32
    Bella dedica all'eterna città.
  • Patty Portoghese il 08/11/2009 20:16
    Caro Fabio hai ragione quando parli dei difetti di Roma, ma credo che esageri un po'.
    La poetica e' ovvio mette in risalto la parte antica della citta'.
    Se rileggi l'ultima strofa ti renderai conto che c'e' un po' di quello che senti tu.
    È la mia citta' e la amo, son stata nei Paesi latini, terre bellissime, ma tanto sofferenti, non farei il paragone.
    Ti ringrazio del commento, in ogni modo costruttivo.
  • Attanasio D'Agostino il 08/11/2009 20:10
    citta eterna bellezza antica
    si fondono nel tuo poetare bella
    Un caro saluto Tanà.
  • Fabio Mancini il 08/11/2009 19:52
    Non mi sento molto legato a questa città e se potessi andrei a vivere in Romagna, la regione più evoluta d'Italia, o altrimenti in un qualsiasi Paese latino. Molti l'amano, ma molti disprezzano la città eterna, non per scelta consapevole, ma per mera ignoranza. La qualità dei servizi pubblici, la bassa igiene pubblica, il traffico caotico, la confusione che sovrana regna per qualsiasi cosa, fanno di Roma più una città di uno Stato in via di sviluppo che una capitale di uno Stato progredito. Poi l'aspetto affettivo e la storia sono altre questioni. Infatti nella tua composizione hai esaltato gli aspetti tipici della città, non il degrado contemporaneo. Fabio.
  • Salvatore Ferranti il 08/11/2009 18:23
    bella poesia dedicata alla città eterna... davvero incantevole. bravissima
  • loretta margherita citarei il 08/11/2009 17:57
    per metà sono romama, quindi sono innamorata della città bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0