PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La natura è maestra di vita

Fra zolle arate,
getta il contadino
la semenza,
con il vomere
rivolta la terra
coprendo il seme.
Nel sottosuolo,
esso immobile giace,
nel buio perde
la speranza.
Con la pioggia
che greve scende,
nella zolla s'infiltra,
macera,
smembrandosi,
sembra per lui
prossima la fine.
Ma all'improvviso,
spuntano le radici,
abbarbicandosi al suolo,
proietta verso l'alto
il germoglio.
Protetto dalla neve,
squarcerà la terra
nel tiepido
sole di primavera.
Simile alla vita
è quel seme,
quando a noi
si mostra dolorosa,
pur avendo la morte
nel cuore,
mai dobbiamo cedere,
ne disperarsi.
Dopo il pianto,
v'è il sorriso,
raggio di sole,
a rinfrancar
l'animo afflitto.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 10/11/2009 00:06
    La Speranza combatte contro ogni avversità e apparenza.
  • Anonimo il 09/11/2009 21:39
    La speranza non muore mai...è come la piantina che esile nasce e cresce!!!
    Bella Loretta
    Dani
  • alice costa il 09/11/2009 19:55
    osservando la natura... impariamo a conoscere il mondo ma anche noi stessi... brava..
  • cesare righi il 09/11/2009 19:27
    un inno alla vita, brava Lo. Il Dio contadino, il seme Uomo 5stelle
  • Patty Portoghese il 09/11/2009 09:09
    Un ritmo unico. Bravissima!
  • Anonimo il 09/11/2009 08:37
    molto bella. La speranza è la nostra forza... ci impedisce di morire... almeno per un pò!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0