accedi   |   crea nuovo account

Il vino del perdono

E adesso, puoi chiedermi scusa,
con coppe di mani ripiene di lacrime.
Puoi venire, col viso contrito
ed il labbro sporgente,
a cercare per terra parole da dire.
Puoi sognarmi, più spesso di quanto sopporti,
ricoprire ogni angolo e spazio;
sarò tanto grande da avvolgerti,
e poi sconvolgerti.
Puoi pensarmi, tra fluidi ed umori di donna,
a nutrirmi.
Puoi sentirmi lontano, sorridere
a discorsi inventati, a far ridere un'altra.
Puoi aspettare, che ti porti il mio vino
che fermenta impetuoso,
e sperare, che non sappia di aceto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Sarah K. il 24/11/2009 17:34
    Che bella!!!
  • Emy Puccini il 11/11/2009 13:33
    Molto bella! Bravo.
  • Anonimo il 09/11/2009 23:46
    Bella descrizione della rabbia per l'amore ferito.
  • Cinzia Gargiulo il 09/11/2009 20:02
    Rende bene l'idea di ciò che si prova quando l'amore viene ferito.
    Belle le immagini usate, bravo!
    Un abbraccio...
  • Minalouche TS Elliot il 09/11/2009 17:00
    Davvero intensa, quasi rabbiosa, la chiusa è davvero bella. Complimenti.
  • Jurjevic Marina il 09/11/2009 16:24
    Molto, molto bella.. viva, piena di un dolore che diventa rabbia.. vendetta.. delusione... si legge un'animo passionale e profondo
  • loretta margherita citarei il 09/11/2009 15:39
    bella
  • Anonimo il 09/11/2009 14:22
    .. mi piace davvero complimenti..
  • Kartika Blue il 09/11/2009 14:02
    piaciuta tantissimo!!
  • vincent corbo il 09/11/2009 11:56
    Ben costruita ma anche molto significativa.
  • Samuele Scagliarini il 09/11/2009 11:28
    Complimenti!
  • anna rita pincopallo il 09/11/2009 11:06
    bella e molto dura!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0