username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La sega

Foreste tagliate, foreste abbattute
da seghe taglienti, che incuranti
distruggono tutto al loro passare.
Animali indifesi che fuggono spaesati
alla ricerca di nuovi rifugi, lontani
dalla devastazione dell'uomo,
che senza pensare, ma con subdoli scopi,
causano danni irreversibili
in questo mondo che ormai stanco si arrende indifeso.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • francesca cuccia il 11/11/2009 13:54
    L'uomo distrugge poi si lamenta, bravissima.
  • Anonimo il 09/11/2009 23:34
    L'uomo concentrato nella ricerca sfrenata del benessere e del consumismo, non sa guardare aldilà del denaro come se tutto questo possa fargli cambiare la vita. Piaciuta.
  • Salvatore Ferranti il 09/11/2009 19:32
    l'uomo sta distruggendo la natura, e gli alberi tagliati poi? chi li ripianta? nessuno...
    povero pianeta.
    la tua poesia invece è bella
  • loretta margherita citarei il 09/11/2009 15:24
    quando si smetterà di uccidere la natura? apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0