username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dozzinale

Spenta
arresa
arrestata.
Ho bucato l'orizzonte davanti per un tempo
che ora è finito,
con lo sguardo ero già oltre ogni passo acerbo compiuto,
la misura del mio sogno è sempre stata più grande di me.
Ora che mi ingozzo con bocconi strappati ai ricordi
con il fumo liquido
stordita
mi cerco sul fondo del bicchiere,
e mi vedo
ora opaca
inerme
scevra
l'insegnante di me allieva.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Cinzia Besaldo il 08/01/2010 15:50
    grazie a tutti
  • giuliano cimino il 19/12/2009 01:02
    curatissima... e particolare..^_^
  • Ivan Bui il 20/11/2009 14:18
    ... versi davvero eleganti.
  • francesca cuccia il 14/11/2009 21:31
    Bellissima, continua senza paure ciao.
  • Cinzia Besaldo il 14/11/2009 00:49
    Grazie a tutti davvero. È la mia priva volta su un sito così ed è bello come trovarsi a casa, una bellissima sensazione.
  • Anonimo il 12/11/2009 14:35
    Bella. Ottima la scelta dei vocaboli. Curata.
  • anna rita pincopallo il 12/11/2009 13:47
    bella introspettiva che ti porta ad una presa di coscienza pur dolorosa brava
  • Anonimo il 12/11/2009 08:57
    bella, molto dolorosa... ma non temere.. più giù di un fondo di bicchiere si può solo tornare su... magari solo per un po! Non permettere mai ai ricordi di distorcere il presente, vivilo o oltre ai ricordi, anche i rimpianti di dilanieranno.
    Un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 12/11/2009 06:20
    poesia è poesia!
  • franco buldrini il 12/11/2009 00:56
    Bella!!!
  • Anonimo il 12/11/2009 00:32
    mi piace!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0