username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il viaggio della vita

E riparto da anonimato cittadino
e vedo alberi scheletriti
che, con cortecce martoriate
da insane scritte,
gridano dolore.
Pietosa li accarezzo
con amico sguardo.
E guado fiumi d'indifferenza,
scalo monti d'orgoglio,
supero baratro di arrivismo
e, finalmente,
respiro profumo di fraternità.
Abbracciando il Tuo silenzio
rientro in luce di speranza.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Donato Delfin8 il 13/11/2009 12:31
    Piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 13/11/2009 08:55
    Molto bella Rosarita... aldilà della indifferenza... ritrovo nel silenzio una luce di speranza..

    Alberi di Vita... sono la nostra Vita... rispettateli!!!!...
  • Cinzia Gargiulo il 12/11/2009 20:49
    Quanta forza ci vuole per navigare controcorrente nel fiume dell'indifferenza!
    Poesia intensa!
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 12/11/2009 09:07
    molto apprezzata.
    Sono poche le persone che oggi, in una realtà sopraffatta dall'inutile, dall'indifferenza, dal cinismo, si fermano ad "accarezzare" alberi malati, maltrattati, avvelenati, abbandonati per ricordare loro di non perdere la loro secolare forza... perchè anche se in pochi... siamo loro riconoscenti"... e i silenzi sono spazi preziosi per le nostre anime...
  • Salvatore Ferranti il 12/11/2009 09:05
    una poesia che è come un fiume in piena... che tutto travolge, e porta con sè...
    bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0