accedi   |   crea nuovo account

Pensieri d'autunno

Quando giunge l'autunno sopra i monti
ammantati di nubi gonfie e scure
a scrosci l'acqua colma di lordure
scava canali e pozze sotto i ponti.

la terra si apre docile all'aratro
con zolle rivoltate ad un ad una
impasto nero di limo e di fortuna
per l'uomo che a fatica ha seminato.

I pastori son pronti alla partenza
per i campi affittati giù in pianura
caldi accoglienti ricchi di pastura
seri e silenti vanno in transumanza.

Suonano i campanacci degli armenti
frammisti ad urla e fischi dei padroni
latrano i cani correndo tra i costoni
inizia il gran viaggio dei tormenti.

Lasciano soli figli mogli e casa
carri e cavalli colmi di provviste
seguendo a mente conosciute piste
contro gli agguati attenti alla difesa.

Mentre la foglia secca ed ingiallita
torna a fiorir tra i monti a primavera
la gioventù non torna quando e' sera
quando arriva all'autunno della Vita.

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 15/10/2014 21:01
    I miei vivi complimenti! Precisi endecasillabi con rime accuratamente scelte, scorrevoli e piacevoli nella descrizione d'un autunno che nella chiusa diviene ancor più malinconico.

5 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0