accedi   |   crea nuovo account

L' autunno dell' uomo

Le foglie appassite
aspettano in silenzio
il fiato del vento
per abbandonarsi
all’ ultimo respiro.
Il fusto debole attende
la morte senza protesta,
senza opporsi alla legge
di madre nature.
Le mie gambe stanche,
le rughe evidenti,
le piaghe del corpo
non addormentano
il mio cercare
ancora un cammino;
non si ricordano
dell’ arrivo dell’ inverno.
Il tempo, strana nozione
per quei animali ribelli
alle leggi della creazione,
così coraggiosi
da non sentirsi schiavi
alle leggi del mondo,
ma così deboli
da rimanerne sempre
sconfitti.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0