accedi   |   crea nuovo account

Fotografando

L'Estate lentamente muore!
Il cielo cambia umore,
canta il Maestrale
gonfia ed increspa il Mare.

Stormi di uccelli emigrano
là dove scalda il Sole,
nidi senza allegria
tra rami spogli di fronde.

L'Autunno, senza vergogna,
spegne luci e colori,
il giorno diventa timido
la notte prepotente.

Dai valichi e dai monti
cala la Tramontana,
giubotti e stivali lunghi
su per sentieri a funghi.

Fanciulli e vecchie matrone,
nei cortili e negli androni,
miscelano marmellate,
imbottigliano pomodori.

Sacchi di ulive e grano
pronti per il frantoio,
lardo e vino in cantina;
l'Inverno si avvicina.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • stefano manca il 07/12/2009 15:06
    belle immagini... bella musica... buon profumo... e speriamo sia buono quel vino... viva l'autunno.. ah ah...
    ciao
  • Donato Delfin8 il 29/10/2009 14:03
    Divertenti rime per descrivere allegramente l'autunno.
    Mancava solo la nebbia tanto cara al Carducci
  • Minalouche TS Elliot il 28/10/2009 22:04
    Accurata descrizione di alcune attività autunnali, però un po' scontata.
  • loretta margherita citarei il 28/10/2009 21:35
    sembra una filastocca apprezzata
  • Fabio Mancini il 27/10/2009 22:56
    brutta.
  • Mirka Naldi il 27/10/2009 18:24
    Molto poetica e richiama alla mente immagini bellissime dell'autunno. Davvero complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0